Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Hong-Kong-la-marcia-per-sensibilizzare-i-turisti-cinesi-25ac90f5-e48b-477f-a4ab-035e0af83df5.html | rainews/live/ | true
MONDO

Migliaia di nuovo in piazza

A Hong Kong la marcia per sensibilizzare i turisti cinesi. Carica della polizia, 3 arresti

E' la prima grande protesta dopo che lunedì scorso centinaia di migliaia di manifestanti hanno sfilato nel centro della metropoli e a decine sono entrati con la forza nella sede del Parlamento

Condividi

Nuova protesta a Hong Kong e nuovi scontri con la polizia, che in assetto anti-sommossa ha caricato i manifestanti nelle strade, dopo la marcia di protesta che oggi ha attraversato una popolare area commerciale frequentata da turisti cinesi. Tre persone sono state arrestate. Lo scrive il sito Hong Kong FreePress.

Migliaia i manifestanti che oggi hanno marciato fino alla stazione dei treni ad alta velocità West Kowloon, che collega la città alla Cina continentale. Obiettivo, spiegare ai cinesi in arrivo - all'oscuro a causa della censura di Pechino - i motivi della loro mobilitazione scaturita dal rifiuto di un contestato progetto di legge che avrebbe consentito le estradizioni in Cina. 

Si tratta della prima grande protesta dopo che lunedì scorso centinaia di migliaia di manifestanti hanno sfilato nel centro di Hong Kong e a decine sono entrati con la forza nella sede del Parlamento. Un episodio che ha reso ancora più incandescente la crisi in cui è precipitata la metropoli dopo che era cresciuto sempre di più il movimento di protesta contro una legge - attualmente sospesa - che permetterebbe l'estradizione degli abitanti verso la Cina.

La polizia ha issato delle barricate all'ingresso principale della stazione per impedire qualsiasi tentativo di entrarvi. Solo i passeggeri con una prenotazione possono accedere.  

La marcia è partita dal parco di Tsim Sha Tsui, un distretto portuale molto popolare fra i turisti cinesi. I manifestanti chiedono il rito completo della legge sull'estradizione, un'inchiesta indipendente sull'uso da parte della polizia di lacrimogeni e pallottole di gomme, amnistie per le persone arrestate e, ovviamente, le dimissioni di Carrie Lam, la leader dell'amministrazione di Hong Kong.

Condividi