Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Il-Museo-di-Auschwitz-vieta-i-selfie-sono-offensivi-e12ca7d1-9dff-4854-b334-2bed26a4393f.html | rainews/live/ | true
MONDO

Polonia

Appello del Museo di Auschwitz ai visitatori: "Basta con i selfie, sono offensivi"

Nonostante la sacralità del luogo, alcuni pensano di immortalare il loro passaggio scattando foto goliardiche. "Ci sono luoghi migliori per imparare a fare l'equilibrista" scrivono in un tweet i responsabili del Memoriale, riferendosi ai tanti dediti agli autoscatti sui binari della morte

Condividi

Basta con le foto da equilibristi sui binari di Auschwitz: il museo del campo di concentramento nazista ha lanciato un appello ai propri visitatori al rispetto per le vittime, si stima un milione e centomila, sterminate in massa durante la Seconda Guerra Mondiale.

Circa due milioni di persone, ogni anno, visitano il campo disterminio del Reich di Adolf Hitler, uno dei simboli più dirompenti dell'Olocausto. Eppure, nonostante la sacralità del luogo, alcuni pensano di immortalare il loro passaggio scattando foto goliardiche. Evidentemente non pochi, se i responsabili del Memoriale hanno ritenuto necessario farsi sentire.

"Quando vieni ad Auschwitz - è il messaggio pubblicato su Twitter dal museo - ricorda che sei nel sito dove sono state uccise oltre 1 milione di persone. Rispetta la loro memoria. Ci sono luoghi migliori per imparare a fare l'equilibrista rispetto al sito che simboleggia la deportazione di centinaia di migliaia di persone verso la morte".  A corredo del messaggio sono state pubblicate una serie di foto di ragazzi che passeggiano in equilibrio sui binari.


Il post ha ricevuto migliaia di like e commenti positivi: "E' stato necessario, le nostre abitudini quando si tratta di foto sono completamente fuori controllo, senza la memoria storica non siamo nulla", ha scritto un'internauta, Francesca. "Non capisco perché la gente faccia selfie allegri in un luogo che ha visto l'omicidio di persone innocenti", gli ha fatto eco Moran.

Scattare foto irrispettose in luoghi come Auschwitz appare come una moda che si è diffusa senza una ragione particolare. Nel 2014, il selfie di una teenager britannica sorridente, Breanna Mitchell, proprio in mezzo agli edifici della morte, aveva scatenato un'ondata di proteste sul web. Nel 2017, lo scrittore tedesco-israeliano Shahak Shapira aveva copiato 12 selfie scattati al Memoriale dell'Olocausto a Berlino, modificando lo sfondo con immagini dai campi di concentramento. Un modo, aveva spiegato, per far sì che le persone "sappiano quello che stavano facendo".

Il museo di Auschwitz, nella sua campagna contro i selfie, ha precisato che "le foto non saranno vietate: chiediamo solo ai visitatori di comportarsi in maniera rispettosa". Ma a qualcuno non farebbe male neanche riprendere in mano un qualunque libro di storia.

Condividi