MONDO

L'editoriale del premio pulitzer Colbert King

Charlottesville, duro attacco del Washington post: "Trump, questa è la tua folla. Sei uno di loro"

Il quotidiano della capitale accusa il presidente non solo di non avere condannato i nazisti del 'suprematismo bianco' per le violenze di ieri contro gli antirazzisti, in Virginia, ma anche di essere totalmente organico a quel mondo

Condividi

Durissimo editoriale del Washington Post contro Donald Trump, accusato dal quotidiano della capitale non solo di non avere condannato i nazisti del 'suprematismo bianco' per le violenze di Charlottesville, in Virginia, ma anche di essere totalmente organico a quel mondo.

"Questa e' la tua gente" scrive il premio Pulitzer Colbert King, rivolgendosi a Trump: "Le parole mormorate da Trump sul terrorismo si sono sciolte a Charlottesville ieri e sono degne dell'ipocrita e istigatore di odio che egli stesso e'", aggiunge l'editorialista del Post, le forze di estrema destra che ieri hanno manifestato in Virgina "sono le stesse che hanno contribuito a portarlo alla Casa Bianca".

Il leader nazionalista del Ku Klux Klan, David Duke, esultò su Twitter per l'affermazione alla elezioni presidenziali di Trump, sottolineando il ruolo "enorme" avuto dalla sua gente per la vittoria finale, ricorda King. "E il popolo di Duke, che e' anche il popolo di Trump, era ieri a Charlottesville con la sua mente piena di odio e le sue armi". "Questa era la tua folla laggiù in Virgina, Trump - continua l'editoriale del Post - Gente che parla la tua lingua, e vomita i tuoi sentimenti. Non far finta di non conoscerli". "Uno di loro ha raggiunto la Casa Bianca", conclude.

Condividi