Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Il-giallo-della-giovane-pakistana-uccisa-in-patria-Scarcerati-padre-e-fratello-86da3f50-7a88-4450-b06c-2aa873e3fc00.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Sana Cheema

Il giallo della giovane pakistana morta in patria. "Scarcerati il padre e il fratello"

Un amico della ragazza: "Ci hanno detto che la vicenda è stata chiusa come morte per infarto"

Condividi
Si tinge di giallo la drammatica vicenda della ragazza pakistana che viveva a Brescia e ha trovato la morte dopo essere tornata nel suo Paese natale. "Dal Pakistan ci è stato detto che la vicenda è stata chiusa come morte per infarto e che il padre e il fratello di Sana sono tornati a casa", ha riferito un amico della 25enne. 

Sembra che la famiglia volesse farla sposare secondo un matrimonio combinato. "In Pakistan non c'è giustizia e tutti gli abitanti del villaggio dove vive la famiglia di Sana è convinto che i familiari siano innocenti", ha riferito l'amico della giovane, residente nello stesso quartiere a Brescia e in contatto con parenti che vivono nello stesso distretto della famiglia Cheema in Pakistan. 

Ieri il Giornale di Brescia ha diffuso la notizia che Sana Cheema è stata uccisa in patria dal padre e dal fratello perché voleva sposare un italiano. La giovane - secondo la fonte - è stata sgozzata dai parenti.

Sana Cheema era nata venticinque anni fa a Gujrat, nella regione del Punjab. Una città che vive di agricoltura e artigianato. "Con la famiglia era emigrata in Italia, a Brescia, poco più che bambina", dice Souad Sbai, ex parlamentare e presidente del Centro Studi Averroè. "La sua famiglia dopo diversi anni aveva scelto di emigrare nuovamente e questa volta in Germania in cerca di un futuro migliore. Sana invece in Italia ci era voluta rimanere, e con la scusa di aver trovato un lavoro in un'attività commerciale glielo avevano persino concesso. Ma la motivazione più importante era il fidanzato. Un giovane italiano che l'avrebbe sposata. Qualcosa che non può e non deve essere contemplato in una famiglia pakistana dove i matrimoni sono combinati. E quando Sana è tornata a Gujrat, giusto per qualche giorno, per fare visita alla famiglia, quella voglia di vivere all'occidentale e sposare un italiano, il padre e il fratello hanno deciso di fargliela passare una volta e per sempre: l'hanno sgozzata". 
Condividi