Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Il-vertice-di-Salisburgo-non-scioglie-i-nodi-UE-Tusk-Proposta-May-sulla-Brexit-non-funzionera-0b3e26ca-3969-463b-a04e-58db1dc920c2.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Summit in Austria

Il vertice di Salisburgo non scioglie i nodi UE. Tusk: "Proposta May sulla Brexit non funzionerà"

Sul fronte migrazione nulla di sostanziale dall'incontro in Austria. "Ci siamo poco occupati del tema della ridistribuzione perche' era chiaro che non ci sarebbe stato nessun risultato, ha detto la cancelliera  Merkel in una dichiarazione alla stampa

Condividi
Si è concluso a Salisburgo il summit informale dei capi di Stato e di governo dell'Unione Europea. Un vertice che il Presidente della Commissione saluta come utile e positivo ma i cui effetti dovranno ancora essere vagliati. Soprattutto sulla gestione delle migrazioni e sull'altro tema al centro del confronto, quello della Brexit.

Tusk: "Proposta della May sulla Brexit inaccettabile" 
 Il Consiglio Ue di ottobre sara' "il momento della verita'" per Brexit. Lo dice il presidente del Consiglio Ue, Donald Tusk, al termine del vertice di Salisburgo. Nel summit del mese prossimo, ha aggiunto, i leader dell'UE decideranno se ci sara' l'accordo in particolare sulla frontiera irlandese che giustifichi l'approvazione di un accordo in novembre. I 27 ha detto Tusk, hanno convenuto che dovrebbe esserci "la massima chiarezza possibile" sulle future relazioni commerciali., ha aggiunto. "Non siamo d'accordo su tutto, ne' possiamo fare concessioni su tutto: ci sono le quattro liberta' fondamentali e il mercato unico, ecco perche' non possiamo accettare l'accordo Chequers", ha ribadito.  Quanto alla questione della frontiere irlandese, "Speriamo che da qui a ottobre si trovi una soluzione, questa e' la condizione per andare avanti a novembre".

"Il piano May non funzionerà"
 Il piano della Gran Bretagna per accordi commerciali post-Brexit semplicemente "non funzionerà". Lo ha affermato il presidente del Consiglio europeo, Donald Tusk, dopo i colloqui con il primo ministro britannico Theresa May. Dopo due giorni di negoziati al vertice europeo informale nella città austriaca di Salisburgo, Tusk ha detto ai giornalisti che i leader dell'Ue sono convinti che il cosiddetto piano Chequers della May per la Brexit "allo stato attuale non funzionerà, se non altro perchè minerebbe il mercato unico dell'Ue. 
 
A novembre vertice straordinario su Brexit

 Il vertice straordinario su Brexit si terra' il 17 e il 18 novembre. Lo conferma il presidente del Consiglio Ue Tusk.

May: "Nostra è sola proposta seria e credibile"
 La premier britannica Theresa May difende le idee di Londra sull'accordo Brexit, ma i leader della Ue ritengono "non accettabili" le proposte britanniche e chiedono un'approfondita trattativa nel mese di ottobre. Theresa May conviene: "C'e' ancora da fare un lavoro molto duro".

Presto nuovo piano su frontiera irlandese
La stessa May presenterà "a breve" agli europei una nuova proposta sulla frontiera irlandese, uno dei punti su cui si bloccano i negoziati con l'Ue sulla Brexit. "Presenteremo presto le nostre proposte", ha dichiarato May al termine del summit.

Juncker: "Passi avanti su frontiere esterne"
Un vertice "utile e positivo", questo il commento del presidente della Commissione Ue, Jean Claude Juncker. Secondo Juncker "siamo avanzati nella discussione che riguarda la protezione delle frontiere esterne" e c'e' "consenso" sulla proposta della Commissione: "sono certo che potremo avanzare ancora sotto la presidenza austriaca", ha aggiunto.

Merkel: "Ok a rafforzamento Frontex"
"Abbiamo dato un parere positivo sulla proposta Juncker per un rafforzamento di Frontex" e "ci siamo poco occupati del tema della ridistribuzione perche' era chiaro che non ci sarebbe stato nessun risultato": lo ha detto la cancelliera angela merkel in una dichiarazione alla stampa al vertice informale ue di salisburgo.

Conte: "Dubbi su utilità di investimento Frontex"
"La posizione dell'Italia sul progetto Frontex puo' avere un ruolo, ma attenzione, pero', perche' potenziare Frontex nella misura progettata fino a 10 mila uomini a regime" con una spesa di "11 miliardi e piu' fa anche sorgere problemi sull'utilita di tale investimento". Cosi' il premier Giuseppe Conte da Salisburgo. "Il problema non e' avere un orientamento sfavorevole verso Frontex ma progettare un investimento cosi' qualche dubbio sull'utilita pratica lo solleva". Inoltre, prosegue, "assicurare il dispiegamento di questi mezzi e uomini significa prrefigurare anche una invasione della sovranita'. Tutti gli Stati membri sono gelosi custodi delle prerogative della propria sovranita e l'Italia non e' da meno".

Conte: "Risorse UE per Africa"
"L'Europa ritiene di avere risolto il problema sul versante orientale dando dei contributi a un Paese, e' impensabile per tanti paesi dell'Africa stanziare somme piu' modeste, anche perche' in Africa c'e' una prospettiva di cooperazione". Lo ha detto il premier Giuseppe Conte incontrando i giornalisti a Salisburgo dopo il vertice informale dell'Ue.

Sul caso Diciotti tutti perdenti
"Il caso Diciotti ci vede tutti perdenti, perche' come ho sempre detto fin dall'inizio se l'Ue vuole esprimere una politica in materia di immigrazioni  deve rivedere il regolamento di Dublino e quanto prima perseguire nuovi meccanismi di gestione collettiva nel segno della solidarieta'. Piu' tardiamo e piu' andiamo tutti in difficiolta'", ha detto ancora Conte.

Macron: "Migranti arrivano soprattutto da Marocco e Spagna"
Attualmente i migranti "arrivano soprattutto per la via occidentale (Spagna e Marocco) e per la via orientale". Lo afferma il Presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, al termine del vertice Ue di Salisburgo. Macron sottolinea che "va rafforzata la frontiera comune europea" e che sono stati stanziati miliardi di euro per la cooperazione dei Paesi Ue con l'Africa.
Condividi