Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Ilo-2013-5-milioni-disoccupati-piu-079794c7-824a-434f-8703-a697d3a09ca7.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Presentato il rapporto del Organizzazione internazionale del lavoro

Lavoro, nel mondo ci sono 202 milioni di disoccupati, 5 milioni in più del 2012

Sono 202 i milioni di disoccupati al mondo, 839 milioni i lavoratori che vivono con meno 2 dollari al giorno. La ripresa senza occupazione penalizza soprattutto i giovani: 74,5 milioni i ragazzi tra i 15 ei 24 anni senza lavoro

disoccupato
Condividi
Roma Nel 2013 i disoccupati nel mondo erano 202 milioni con un aumento di 5 milioni sul 2012, il tasso al 6%. Il numero dei lavoratori poveri diminuisce ma molto lentamente: lo scorso anno 839 milioni di lavoratori, il 26,7% del totale, vivevano con meno di due dollari al giorno.

E' quanto si legge nel Rapporto Ilo sull'occupazione. Si sottolinea che sono 375 milioni gli occupati con meno di 1,25 dollari al giorno e che entro il 2018 sono previsti ancora 13 milioni di disoccupati in più. E sempre nei prossimi anni si prevede la creazione di 40 milioni di nuovi posti di lavoro l'anno a fronte di almeno 42,6 milioni di nuovi entrati nel mercato del lavoro. 

''La crescita dell'occupazione - si legge nel rapporto - rimane debole, la disoccupazione continua a salire, in particolare quella giovanile, e sono molti i lavoratori scoraggiati che restano ancora al di fuori del mercato del lavoro''. Sono diversi i settori in cui si iniziano a vedere profitti, che però, si legge nel Rapporto ''si riversano principalmente nei mercati finanziari e non nell'economia reale, pregiudicando in questo modo le prospettive occupazionali di lungo termine''.
Ai ritmi attuali entro il 2018 saranno creati 200 milioni di posti di lavoro supplementari ma è un dato comunque ''inferiore al livello necessario ad assorbire il numero crescente di ingressi sul mercato del lavoro''.  ''Sono necessari maggiori sforzi - dice il direttore generale Ilo, Guy Ryder - per accelerare la creazione di posti di lavoro e sostenere le imprese che creano occupazione''.    

Nella fascia tra i 15 e i 24 anni ci sono 74,5 milioni di disoccupati con un tasso di senza lavoro del 13,1% (oltre il doppio di quello complessivo per le persone in età da lavoro stimato per il 2013 al 6%). Nell'Unione europea e nelle economie avanzate il tasso di disoccupazione è all'8% con 45,2 milioni di senza lavoro. L'Ilo si aspetta una ''graduale diminuzione'' di questo tasso nei prossimi anni e la discesa al di sotto dell'8% intorno al 2018. ''La ripresa fragile - scrive l'Ilo è in parte dovuta al perseguimento delle politiche di austerità nella regione''.

In Italia
La disoccupazione in Italia nel 2013 ha raggiunto il 12,2% e continuerà ad aumentare fino al 2015 toccando il 12,7%. La stima dell'Ilo sottolinea anche nel Rapporto che rispetto al 2007 (6,1%) nel nostro Paese la percentuale dei senza lavoro nel 2013 è raddoppiata. Nel mondo tra il 2007 e il 2013 si è passati dal 5,5% al 6% mentre in Europa e nelle economie sviluppate si è passati dal 5,8% del 2007 all'8,6% del 2013.



 
Condividi