Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Ilva-Di-Maio-chiude-la-procedura-senza-annullare-la-gara-Sul-sito-Mise-il-parere-dell-Avvocatura-dello-Stato-df180bfd-0dfe-4ba9-b004-da81b95e6dc6.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Taranto

Ilva, Di Maio chiude la procedura senza annullare la gara. Sul sito Mise il parere dell'Avvocatura

"Per l'annullamento della gara non basta l'illegittimità" scrive nelle sue conclusioni l'Avvocatura dello Stato, "serve interesse pubblico concreto e attuale". Dubbi sulla mancata valutazione dell'offerta di rilancio di Acciai Italia. Calenda: "L'Avvocatura conferma, Di Maio distorce. Chiaro perché il vicepremier lo ha tenuto segreto"

Condividi
Il ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, chiude formalmente il procedimento avviato sulla gara di aggiudicazione dell'Ilva disponendo "di non procedere all'annullamento". Lo si legge nel documento pubblicato sul sito del Mise e inviato alla società Am Investco Italy e per conoscenza ai commissari Ilva, nel quale si richiama l'accordo con i sindacati siglato giovedì 6 settembre. Si continua, dunque, con ArcelorMittal.

L'Avvocatura dello Stato: "Annullamento deve ancorarsi a interesse pubblico concreto e attuale"
"La possibilità di addivenire a un legittimo esercizio del potere di annullamento [deve] ancorarsi a un interesse pubblico concreto e attuale, particolarmente corroborato". E' quanto si legge in un passaggio del parere dell'Avvocatura di Stato sulla gara su Ilva vinta da ArcelorMittal che il vicepremier Luigi Di Maio pubblica oggi sul sito del Mise.

"Mancata valutazione dell'offerta di Acciai Italia"
"La mancata valutazione della nuova offerta in rilancio formulata da Acciai Italia può assumere rilievo quale elemento sintomatico della figura di eccesso di potere integrante uno dei presupposti per l'eventuale esercizio del potere di autotutela ex artt. 21-octies e 21-nonies della l. 241/1990" si legge ancora in un passaggio del parere dell'Avvocatura dello Stato.

Calenda: da Avvocatura conferma, Di Maio distorce. Chiaro perché vicepremier lo ha tenuto segreto
"Chiaro ora perché Di Maio ha tenuto segreto il parere! L'Avvocatura conferma in pieno il parere precedente sui rilanci. Eccesso di potere ci sarebbe stato se non si fosse tenuto in conto l'interesse pubblico". Così l'ex ministro dello Sviluppo Carlo Calenda su twitter. "In un paese serio un Ministro che distorce un parere istituzionale si dimette" ha aggiunto.

Il parere dell'Avvocatura dello Stato


 
Condividi