MONDO

Astana

Proteste contro i matrimoni misti tra le kazake e ricchi cinesi

Condividi


Manifestazione di protesta ad Astana, capitale del Kazakistan, contro i matrimoni misti tra donne kazake e cittadini della Cina. I manifestanti hanno chiesto alle autorità di chiudere l’agenzia matrimoniale specializzata nelle nozze tra le kazake e i cinesi.

I manifestanti hanno chiesto di privare della cittadinanza le donne che sposano uomini cinesi e di applicare una supertassa di 50mila dollari ai mariti d'oltreconfine. 

Un'agenzia matrimoniale locale pubblica una serie di annunci che assicurano alle aspiranti spose kazake il matrimonio con “cittadini cinesi con redditi dai 90mila dollari in su, con istruzione europea, padronanza di lingua inglese e, in alcuni casi, anche di quella russa”.

Le richieste per le spose novelle sono minime: età compresa tra i 18 e i 40 anni, preferibilmente nubili e senza figli, anche se è ammesso un figlio a carico di età inferiore di 16 anni.


 
Condividi