Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/In-fiamme-deposito-di-rifiuti-a-Cairo-Montenotte-incendio-circoscrittoScuole-chiuse-in-4-comuni-5d76c281-522d-4775-85de-79b010214faf.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Savona

In fiamme deposito di rifiuti a Cairo Montenotte, "incendio circoscritto". Scuole chiuse in 4 comuni

Emergenza ambientale nel savonese. Le scuole resteranno chiuse oggi a Cosseria, Bragno, Ferrania e San Giuseppe di Cairo. Si raccomanda di evitare di esporre i bambini a fumi e polveri che potrebbero rivelarsi nocivi

Condividi
Ancora un allarme ambientale: un vasto incendio è divampato ieri sera intorno alle 21 all'interno di alcuni capannoni dell'azienda Fg Riciclaggi di Cairo Montenotte (Savona). La ditta opera nel settore del riciclo rifiuti.

Secondo le prime informazioni a bruciare sarebbero stati due capannoni adibiti allo stoccaggio di materiale legnoso, di plastica e di pneumatici. Il timore tra gli abitanti è quello del disastro ambientale, a causa della densa colonna di fumo nero e del forte odore che si alza dai depositi.

"Incendio circoscritto"
L'incendio nella notte sarebbe stato circoscritto ma nei piazzali tra i capannoni stanno ancora bruciando alcuni imballaggi e le fiamme sono ancora alte. Lo ha fatto sapere il primo cittadino Paolo Lambertini, in attesa di parlare con i tecnici dell'Arpal che stanno monitorando la situazione.

Scuole chiuse in 4 comuni
I sindaci dei Comuni della zona dove  in corso il violento incendio ad alcuni depositi di rifiuti, e dalla quale si innalza un'alta nube nera, hanno invitato ad adottare una serie di precauzioni in via cautelativa. Le scuole resteranno chiuse oggi a Cosseria, Bragno, Ferrania e San Giuseppe di Cairo. Hanno poi raccomandato di evitare di esporre i bambini a fumi e polveri che potrebbero rivelarsi nocivi, anche se al momento non si ha alcuna certezza sulla loro potenziale tossicità, sulla quale si attende il responso dell' Arpal.

I depositi contengono materiale da riciclo, tra cui plastica e pneumatici. Fortunatamente il sistema antincendio dei depositi ha permesso di limitare i danni. Lo scorso febbraio, in seguito ad un incendio simile a Cisano Sul Neva (Savona), i primi cittadini della zona avevano emesso ordinanze imponendo ai residenti per alcuni giorni di tenere chiuse le finestre.

Sindaci: state lontani
I sindaci di tutti i Comuni del comprensorio hanno diramato avvisi di non avvicinarsi alla zona e di evitare l'esposizione ai fumi.  

Arpal, in corso valutazione dati
Ancora nessun responso da Arpal circa il rischio ambientale."Attualmente - fanno sapere da Arpal -  è in corso la valutazione dei dati misurati dalle centraline fisse di monitoraggio della qualità dell'aria della zona. In giornata verranno svolte ulteriori attività in  costante contatto con gli enti territoriali competenti". Al momento non si registrano intossicati, ma per precauzione sono state chiuse tutte le scuole nei Comuni di Cairo, Carcare, Altare e Cosseria. Ieri sera una squadra di tecnici dell'Arpal intervenuta sull'incendio per valutare l'eventuale impatto ambientale: a bruciare erano infatti rifiuti riciclabili tra cui materiali plastici e pneumatici e dal sito si alzava una imponente colonna di fumo nero e maleodorante. I miasmi sono stati avvertiti anche a Savona, a alcune decine di chilometri di distanza.  
Condividi