Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Inchiesta-Mose-arrestato-il-sindaco-di-Venezia-Orsoni-0dc3e617-ac87-42cc-b1e3-42a1943ea4ef.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Lupi: va finito senza aumentare i costi

Venezia bufera sul Mose, arrestato il sindaco Orsoni

Ai domiciliari con l'accusa di finanziamento illecito relativa alla sua campagna elettorale. Arresti per corruzione, concussione e riciclaggio nell'ambito delle indagini sugli appalti del Mose. Chiesta la custodia cautelare per l'ex governatore Galan. I legali di Orsoni "circostanze poco credibili". Sequestrati beni per 40 milioni di euro. 

Sindaco Orsoni (LaPresse)
Condividi
Bufera giudiziaria sul Mose. 35 le persone arrestate per corruzione, concussione e riciclaggio nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Venezia sugli appalti del Mose, il sistema di dighe mobili per la salvaguardia di Venezia e sull'ex ad della Mantovani Piergiorgio Baita. Tra gli arrestati anche il sindaco di Venezia, posto ai domiciliari, con l'accusa di finanziamento illecito relativa alla sua campagna elettorale per le comunali del 2010. 

Il procuratore aggiunto di Venezia Carlo Nordio ha definito l'inchiesta peggio di una tangentopoli, "più complessa e sofisticata". Le indagini hanno portato alla luce un giro di sovrafatturazioni false create ad hoc e di fondi neri "utilizzati per campagne elettorali e, in parte, anche per uso personale da parte di alcuni esponenti politici - ha spiegato il procuratore - Hanno ricevuto elargizioni illegali persone di entrambi gli schieramenti".

35 arresti 
Tutto sarebbe legato ad una enorme vicenda di mazzette che vedrebbe coinvolti numerosi politici, commercialisti, imprenditori e operatori finanziari. 35 gli arresti effettuati - 25 persone sono finite in manette, 10 agli arresti domiciliari - tra questi l'assessore regionale alle Infrastrutture Renato Chisso, il consigliere regionale Pd Giampietro Marchese, il presidente del Coveco, cooperativa impegnata nel progetto Mose, Franco Morbiolo, il generale in pensione Emilio Spaziante, l'amministratore della Palladio Finanziaria spa, Roberto Meneguzzo. In manette anche due ex Presidenti del magistrato alle acque emanazione del Ministero delle infrastrutture. I reati, come si evince dall'ordinanza del procuratore Luigi Delpino, vanno dalla corruzione alla frode fiscale e al finanziamento illecito dei partiti.
Nell'inchiesta risultano indagate un centinaio di persone.

Coinvolto ex governatore Galan
È stata chiesta la custodia cautelare anche per il deputato di FI Giancarlo Galan, ex presidente della Regione Veneto. Gli atti dovranno ora essere trasmessi alla Camera. Il deputato non rilascia commenti e attraverso la sua portavoce fa sapere ''È a Roma e non ha potuto ancora vedere le carte''. Richiesta di arresto anche per l'eurodeputata uscente Lia Sartori.

Legali di Orsoni "Circostanze poco credibili"
I legali del sindaco, posto agli arresti domiciliari, auspicano un tempestivo chiarimento della posizione di Orsoni definendo le vicende contestate "poco credibili".
Gli avvocati Daniele Grasso e Mariagrazia Romeo esprimono "preoccupazione per l'iniziativa assunta e confida in un tempestivo chiarimento della posizione dello stesso sul piano umano, professionale e istituzionale. Le circostanze contestate nel provvedimento notificato paiono poco credibili, gli si attribuiscono condotte non compatibili con il suo ruolo ed il suo stile di vita. Le dichiarazioni di accusa vengono da soggetti già sottoposti ad indagini, nei confronti dei quali verranno assunte le dovute iniziative"

I fondi neri del Mose
La Guardia di Finanza ha poi sequestrato beni per un valore di circa 40 milioni di euro. Si tratta di beni accumulati secondo l'accusa tramite l'utilizzo di "fondi neri" creati da società che fanno capo al Consorzio Venezia Nuova, l'ente che dirige i lavori per la costruzione del Mose. Il generale della Finanza Bruno Buratti ha puntualizzato: "Abbiamo individuato fondi neri di aziende collegate al Cvn, ottenuti mediante sovrafatturazioni per circa 25 milioni di euro. Sono state fatte operazioni inesistenti tramite società create all'estero, in Svizzera e a San Marino". 
La Guardia di Finanza esaminando gli atti delle tre aziende coinvolte nell'inchiesta ha scoperto 15 milioni in fatture false. Secondo la Finanza le aziende soggette a verifica fiscale hanno già versato 9 milioni allo Stato per danno erariale. Si tratta solo di una parte minima delle frode, dicono i finanzieri, che verrà probabilmente implementata con nuovi controlli. 
Il denaro dei fondi neri veniva utilizzato per avvicinare soggetti pubblici da finanziare per poi essere agevolati in varie opere infrastrutturali.

L'inchiesta, conti all'estero e appalti
L'indagine della Finanza era partita circa tre anni fa, lo scorso anno c'era stato l'arresto di Piergiorgio Baita, ai vertici della Mantovani, società padovana colosso nel campo delle costruzioni. Il pool di magistrati aveva scoperto che l'ex menager, con il beneplacito del proprio braccio destro Nicolò Buson, aveva distratto dei fondi relativi al Mose, le opere di salvaguardia per Venezia, in una serie di fondi neri all'estero. 20 milioni secondo le Fiamme Gialle la somma occultata, finita poi in conti esteri. Il denaro, secondo l'accusa, veniva portato da Claudia Minutillo, imprenditrice ed ex segretaria personale di Galan, a San Marino dove i soldi venivano riciclati da William Colombelli grazie alla propria azienda finanziaria Bmc.

Dopo qualche mese l'arresto di Giovanni Mazzacurati, ai vertici del Consorzio Venezia Nuova, l'ingegnere "padre" del Mose. Indagando su di lui erano spuntate fatture false e presunte bustarelle che hanno portato all'arresto di Pio Savioli e Federico Sutto, rispettivamente consigliere e dipendente di Cvn, e quattro imprenditori che si spartivano i lavori milionari.

Nelle carte il nome dell'ex Ministro Matteoli
Nei giorni scorsi nell'inchiesta sull'ex presidente di Mantovani è spuntato il nome dell'ex Ministro dell'Ambiente e della Infrastrutture Altero Matteoli. Il fascicolo, su cui la procura di Venezia ha mantenuto massimo riserbo, è stato trasmesso al Tribunale dei Ministri. "Non avendo nulla da nascondere e non avendo mai percepito alcunché, ho richiesto tramite i miei legali di essere sentito da magistrati di Venezia, davanti ai quali mi presenterò nei prossimi giorni per chiarire la mia posizione e per fornire ogni chiarimento che mi verrà richiesto" ha dichiarato l'ex Ministro.
Condividi