Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Inside-Mondriaan-di-Francesco-Visalli-088cb7f3-f8ba-42df-b589-8906625bf596.html | rainews/live/ | true
CULTURA

Protagonista l’arte di Francesco Visalli

'Inside Mondriaan' di Francesco Visalli

Pittura, scultura, design e architettura, alla riscoperta del pittore olandese Piet Mondrian

Condividi
Si inaugura domani (e prosegue fino al 21 dicembre al Centro Culturale Elsa Morante di Roma) Inside Mondriaan - Trasposizione materica di una visione astratta – tra arte, design e architettura - la mostra personale di Francesco Visalli, a cura di Valeria Arnaldi.  Partendo dalla visione astratta di Mondrian, riscoprendo e attualizzando il principio che nei primi del ‘900 ha generato il movimento olandese di "De Stijl", Visalli genera nuove matrici, applicabili trasversalmente a ogni campo artistico: pittura,  architettura, scultura, design, scenografia e installazioni.

Il progetto
Il progetto 'Inside Mondriaan' è un progetto globale, un lavoro artistico unico, quasi psicanalitico che parte dall’armonia raggiunta per arrivare al caos che l’ha generata. La biografia di Mondrian parla dell’artista, poco dell’uomo. Ma è l’uomo che interessa Visalli, nella sua battaglia tra Mondrian e Mondriaan. Il viaggio proposto dall’artista romano è un cammino a ritroso per trovare quell’armonia perfetta che può essere riprodotta su qualsiasi superficie. Mondrian considera le opere come architetture bidimensionali per eliminare ogni patina di concretezza alla purezza del concetto. Visalli restituisce all’idea il suo spessore e la trasforma in quel monumento che Mondrian teorizzava. Il viaggio è esso stesso architettura. L’armonia è fatta di misure, proiezioni, dilatazioni, trasfigurazioni.

La mostra
La mostra ripercorre il dialogo tra Visalli e Mondrian, in cui la contemporaneità vede la modernità come sua stessa radice, cercando di scoprire il segreto del passaggio da uomo ad artista, in continua evoluzione e metamorfosi. L’armonia assoluta si trasforma qui in metro del Bello, come canone “adottato” da più linguaggi artistici. Visalli infatti declina la sua ricerca su tele, marmi, arredi, architetture, arrivando a concepire anche scenografie e piani urbanistici. Obiettivo, calare l’attualità dell’arte nel quotidiano contesto sociale, per portare alla luce i tanti non-detti della nostra modernità.

Il monolite
Tra le opere, Place de la Concorde, il monolite bifronte alto oltre tre metri e del peso di più di due tonnellate, che per circa due mesi è stato collocato tra il monumento a Giuseppe Mazzini e il Circo Massimo, nel cuore di Roma, suscitando una grande eco sulla stampa italiana e straniera. Non una trovata pubblicitaria ma un vero e proprio esperimento. Il monumento è la prima e ad oggi l’unica opera esposta del più ampio progetto 'Inside Mondriaan', nel tentativo di indagare la sua ricerca in profondità, ripercorrendone a ritroso le tappe e rivivendola su diverse superfici per affinità o contrasto. 
 
 
Condividi