Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Insigne-immobile-Hysaj-Lucas-Leiva-Simone-Inzaghi-Gattuso-Milik-508d7e4e-8cf5-4e95-92a0-4b6494a08262.html | rainews/live/ | true
SPORT

Coppa Italia, quarti di finale

Napoli, è semifinale: Insigne stende la Lazio al S.Paolo (1-0)

Partita dalle mille emozioni, con la punta partenopea che segna al 2', Immobile che sbaglia goffamente un rigore, due espulsi (Hysaj e Leiva) e quattro legni centrati nel finale di gara. Biancocelesti ko dopo 12 successi di fila. Gli azzurri di Gattuso attendono ora la vincente di Inter-Fiorentina

Condividi
di Gianluca Luceri Il Napoli dimentica per una notte i ‘dolori’ del campionato e si regala la semifinale di Coppa Italia: al San Paolo, nel match in gara unica dei quarti, battuta ed eliminata la Lazio (1-0), che arrivava da un’incredibile striscia di 12 vittorie consecutive (11 in Serie A e una nella Supercoppa italiana). La squadra di Gattuso attende ora la vincente di Inter-Fiorentina.

Caos ed emozioni in una prima mezz’ora di fuoco, dove succede di tutto e di più. Minuto 2: Insigne riceve palla sulla sinistra, penetra in area saltando in velocità Luiz Felipe e fa centro con un piatto incrociato. Minuto 10: Ospina respinge la conclusione di Milinkovic, il pallone finisce a Caicedo che colpisce di testa ma subisce l’intervento a gamba alta di Hysaj (ammonito). Per Massa è rigore, dal dischetto va il bomber Immobile che però al momento del tiro scivola clamorosamente e spedisce alto. A ruota (14’) l’attaccante biancoceleste, solissimo a centro area, ci prova di testa su cross (un po’ lento) di Lazzari: palla a lato. Il clima, già teso dopo il penalty per gli ospiti, diventa rovente al 19’, con l’arbitro che ammonisce per la seconda volta l’abanese Hysaj (fallo su Immobile) e lo espelle. Sei giri di lancette e si ristabilisce la parità numerica: Lucas Leiva ferma (regolarmente) la percussione di Zielinski, Massa estrae il giallo, il brasiliano non ci sta, lo manda a quel paese e rimedia il rosso (25’). Il match si ‘placa’ nell’ultimo quarto d’ora, dove non succede un granché.

Il primo tentativo della ripresa è ancora di Immobile (51’): Ospina presente. Al 62’ la punta della Lazio insacca di destro ma c’è fuorigioco: giusto l’annullamento. Molto attivo, con il Napoli troppo schiacciato dietro, anche il neo entrato Correa: leggermente alta la botta dell’argentino (65’). Lampo degli azzurri al 70’, vicinissimi al raddoppio: si stampa beffardamente sul palo interno la capocciata di Milik, con Strakosha fortunato dopo un intervento non proprio impeccabile. Finale clamoroso e palpitante (eufemismo) con altri tre legni, centrati da Immobile all’84’ (traversa), Mario Rui all’85’ (incrocio dei pali) e Lazzari all’88’, con Acerbi che segna sulla ribattuta ma in posizione di offside. Game over in un San Paolo di nuovo in festa dopo un lungo digiuno.
Condividi