Tutte le notizie di Rai News - ultime notizie in tempo reale - home page, logo rai news Torna su
POLITICA

Teheran

Iran, Gentiloni in visita: "Potenzialità dell'accordo sul nucleare superiori alle preoccupazioni"

Il ministro a Teheran insieme alla responsabile dello Sviluppo Economico, Federica Guidi, in una 'due giorni' fitta di incontri all'indomani dello storico accordo sul nucleare. Nel giro di un paio d'anni - spiega il titolare della Farnesina -, l'Italia può arrivare a "raddoppiare" l'interscambio commerciale con l'Iran rispetto al 2014

Condividi
"Sappiamo che ci sono preoccupazioni" da diverse parti "sulle conseguenze" dell'accordo sul nucleare iraniano ma "l'Italia è convita che le potenzialità di questa intesa siano di gran lunga superiori" alle preoccupazioni. Lo ha detto il ministro degli esteri, Paolo Gentiloni, in missione a Teheran insieme alla responsabile dello Sviluppo Economico, Federica Guidi. In programma una 'due giorni' fitta di incontri volta ad aprire la cooperazione in tutti i settori, a cominciare da quello politico ed economico all'indomani dello storico accordo sul nucleare. Nella delegazione al seguito ci sono i rappresentanti di Confindustria, Sace, Eni, Finmeccanica, Fincantieri e Anas.

I "risultati politici" dell'accordo con l'Iran "ci devono essere", ha spiegato il ministro, e "io me li aspetto in tempi ravvicinati anche in Siria" sottolineando che "nei primi mesi bisogna aspettarsi qualche progresso nei teatri di crisi".

"L'obiettivo da parte italiana, ma mi sembra che la posizione iraniana non sia molto diversa, è tenere collegate le due direzioni, dimensione politica e economica del percorso che si è aperto" con l'accordo sul nucleare di Vienna, ha aggiunto Gentiloni in conferenza stampa. L'accordo sul nucleare iraniano, nella fase di attuazione, "consentirà di eliminare da parte europea, nel giro di quattro-sei mesi le principali sanzioni" e rappresenterà "straordinarie possibilità in un mercato rilevante come quello iraniano", ha aggiunto Gentiloni.

Nel giro di un paio d'anni, l'Italia può arrivare a "raddoppiare" l'interscambio commerciale con l'Iran rispetto al 2014, ha continuato il ministro degli Esteri, sottolineando che "ci sono tutte le condizioni per farlo". "L'Italia può e deve porsi obiettivi molto ambiziosi", ha aggiunto.
Condividi