Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Irlanda-del-Nord-incriminato-ex-militare-britannico-per-Bloody-Sunday-del-1972-f1baf3a4-94e0-462a-804d-ca5315c08b6b.html | rainews/live/ | true
MONDO

Sanguinosa repressione durante una marcia per i diritti civili

Nord Irlanda, incriminato ex militare britannico per "Bloody Sunday" del 1972


Per quanto riguarda altri 16 soldati britannici e due ex membri dell'Ira, le prove sono state considerate "insufficienti" per incriminarli.

Condividi
Un ex militare britannico sarà incriminato per la morte di due attivisti in Irlanda del Nord, e il tentato omicidio di altri quattronella cosiddetta "Domenica di sangue", (Bloody Sunday) del 1972 a Londonderry.

Identificato come soldato 'F.', era uno dei 17 membri del reggimento di paracadutisti coinvolto nella sanguinosa repressione delle proteste contro l'arresto di alcuni sospetti nazionalisti irlandesi, che causò 13 morti. Una 14/a vittima morì mesi dopo per le ferite. Un'inchiesta durata decenni ha stabilito che i soldati aprirono il fuoco contro dimostranti disarmati. 

Il "soldier F" è incriminato per gli omicidi di James Wray e William McKinney e il tentato omicidio di  Joseph Friel, Michael Quinn, Joe Mahon e Patrick O'Donnell.

Per quanto riguarda altri 16 soldati britannici e due ex membri dell'Ira, le prove sono state considerate "insufficienti" per incriminarli.

 
Condividi