Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Israele-approva-controversa-legge-su-Stato-nazione-del-popolo-ebraico-23964161-c305-4326-b8a9-035a7cf01734.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Ue, legge Israele può complicare soluzione a due Stati

Israele approva la legge su "Stato-nazione del popolo ebraico"

La legge dichiara anche Gerusalemme capitale di Israele e adotta il calendario ebraico come quello ufficiale dello Stato

Condividi
Al termine di un dibattito infiammato, la Knesset a maggioranza ha approvato la notte scorsa una controversa legge che definisce Israele come "Stato-nazione del popolo ebraico". A favore del provvedimento hanno votato 62 deputati: contrari 55, compresi i rappresentanti dei partiti arabi.    

Soddisfatto il premier Benyamin Netanyahu che ha parlato di "rispetto di tutti i cittadini", mentre Ayman Odeh, leader dei partiti arabi, ritiene che la norma dimostri che Israele "non ci vuole qui". 

Secondo i sostenitori del provvedimento, la legge ha il pregio di porre i valori ebraici e quelli democratici sullo stesso piano, mentre i detrattori vi ravvisano l'intento di discriminare le minoranze, arabe e non.    

La legge dichiara anche Gerusalemme capitale di Israele e adotta il calendario ebraico come quello ufficiale dello Stato. In una clausola, secondo i media, retrocede la lingua araba da "ufficiale" a "speciale". Altra norma controversa  quella che sancisce che "lo Stato vede lo sviluppo dell'insediamento ebraico con valore nazionale e agirà per incoraggiare e promuovere il suo consolidamento". 

Ue, legge Israele può complicare soluzione a 2 Stati 
"Evidentemente ci può essere il rischio che le cose si possano complicare un pochino sulla strada che mira alla soluzione a due Stati, che l'Ue sostiene. Abbiamo chiaramente fatto valere il nostro punto di vista rispettando la sovranitàdi Israele ma consideriamo che i principi di base debbano essere rispettati, compreso quello delle minoranze". Così una portavoce della Commissione Ue a chi le chiedeva un commento sulla legge approvata dalla Knesset che definisce Israele come "Stato-nazione del popolo ebraico".  

Alla domanda dei giornalisti che le chiedevano se la Commissione condanni o meno la legge la portavoce ha replicato: "Siamo preoccupati e abbiamo espresso la nostra preoccupazione e continueremo ad essere impegnati con Israele su questo tema. Deve essere evitata ogni soluzione che non punti alla soluzione a due Stati".    

La portavoce ha ricordato che l'Ue  già stata "chiara la scorsa settimana e abbiamo già comunicato un messaggio chiaro", inoltre "abbiamo le conclusioni del Consiglio e abbiamo contatti regolari con le autorità israeliane". 
Condividi