Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Istat-economia-sommersa-e-le-attivita-illegali-valgono-210-miliardi-nel-2016-ef4db2df-e44c-42ef-a04a-68faf1ca041b.html | rainews/live/ | (none)
ECONOMIA

Pari a 12,4% Pil, in calo da picco 2014

Istat: l'economia sommersa e le attività illegali valgono 210 miliardi nel 2016

Condividi
L'economia non osservata, ossia la somma dell'economia sommersa e delle attività illegali, nel 2016 vale circa 210 miliardi di euro, pari al 12,4% del Pil. Lo indica l'Istat, sottolineando che le stime al 2016 confermano la tendenza alla discesa dell'incidenza della componente non osservata dell'economia sul Pil, dopo il picco del 2014 (13,1%). 

Il valore aggiunto generato dall'economia sommersa (che va dalle sotto-dichiarazioni all'impiego di lavoro irregolare, dagli affitti in nero alle mance) ammonta a poco meno di 192 miliardi di euro; quello connesso alle attività illegali (produzione e traffico di droga, prostituzione e contrabbando di tabacco), incluso l'indotto, risulta pari a circa 18 miliardi, stima l'Istat.   

Nel complesso, dunque, nel 2016 il valore aggiunto generato dall'economia non osservata si è dunque attestato a poco meno di 210 miliardi di euro (erano 207,4 nel 2015), con un'incidenza sul Pil pari al 12,4% (12,6% nel 2015). L'economia non osservata, con un aumento dell'1,2%, mostra una dinamica più lenta rispetto al complesso del sistema produttivo (+2,3%).

Di conseguenza, sottolinea l'Istituto di statistica, pur in presenza di un incremento di circa 2,5 miliardi di euro, l'incidenza sul complesso dell'attività economica si riduce di 0,2 punti percentuali. Tale flessione si aggiunge a quella già registrata nel 2015, portando la riduzione complessiva a 0,7 punti percentuali rispetto al picco del 2014.   

La composizione dell'economia non osservata registra, spiegal'Istat, variazioni limitate. Nel 2016, la componente relativa alla sotto-dichiarazione pesa per il 45,5% del valore aggiunto (circa -0,6 punti percentuali rispetto al 2015), pari a circa 95 miliardi di euro.

La restante parte è attribuibile per il 37,2% all'impiego di lavoro irregolare (37,3% nel 2015), pari circa a 78 miliardi; per l'8,8% (era 9,6% nel 2015) alle altre componenti (fitti in nero, mance e integrazione domanda-offerta), pari a circa 18 miliardi; infine, per l'8,6% alle attività illegali (in aumento dall'8,2% dell'anno precedente).   

Le Altre attività dei servizi (33,3% nel 2016), il Commercio, trasporti, alloggio e ristorazione (23,7%) e le Costruzioni (22,7%) si confermano i comparti dove l'incidenza dell'economia sommersa è più elevata.

Lavoro irregolare in calo nel 2016, 3,7 milioni unità
Nel 2016, le unità di lavoro (Ula) irregolari sono 3 milioni e 701 mila, in prevalenza dipendenti (2 milioni e 632 mila), in lieve diminuzione rispetto al 2015 (rispettivamente -23 mila e -19 mila unità). Lo indica l'Istat nel report sull'economia non osservata, segnalando che il tassodi irregolarità, che viene calcolato come incidenza delle Ula non regolari sul totale, è pari al 15,6%, in calo di 0,3 punti percentuali rispetto all'anno precedente.   

L'incidenza del lavoro irregolare è particolarmente rilevante nel settore dei Servizi alle persone (47,2% nel 2016, in calo di0,4 punti percentuali rispetto al 2015), indica ancora il report, ma risulta significativo anche nei comparti dell'Agricoltura (18,6%), delle Costruzioni (16,6%) e del Commercio, trasporti, alloggio e ristorazione (16,2%).
Condividi