Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/LEA-livelli-essenziali-di-assistenza-110-nuove-malattie-rare-e-novita-per-protesi-e-vaccini-c9242d09-287d-4511-85e5-9f96afaf69ea.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Sanità

Cambiano i livelli essenziali di assistenza: 110 nuove malattie rare e novità per protesi e vaccini

Il decreto firmato dal Presidente del Consiglio ancora ricoverato al Gemelli: dalla fecondazione eterologa alle terapie contro l'endometriosi, dai nuovi vaccini all'adroterapia si aggiornano e si arricchiscono i Livelli Essenziali di Assistenza (Lea), le terapie che il servizio sanitario nazionale garantisce di fornire gratuitamente in tutte le regioni.  Il Ministro Beatrice Lorenzin:"Giornata storica per la sanità"

Condividi
Sono tante le novità e riguardano la vita quotidiana di milioni di italiani: dopo 15 anni di attesa vengono aggiornati gli standard della salute che lo Stato deve garantire ai cittadini, secondo procedure ed elenchi che possono fare la differenza tra una buona sanità e una sanità che non risponde alle mutate esigenze della popolazione.

Dalla fecondazione eterologa alle terapie contro l'endometriosi, dai nuovi vaccini all'adroterapia: si aggiornano e si arricchiscono i Livelli Essenziali di Assistenza (Lea), le terapie che il servizio sanitario nazionale garantisce di fornire gratuitamente in tutte le regioni.

Il decreto è stato firmato in ospedale dal Presidente del Consiglio Paolo Gentiloni, come ha annunciato via twitter il portavoce Filippo Sensi:

 


Lorenzin: "Passaggio storico per la sanità italiana"
Il lungo iter approvativo si e' concluso con la firma del premier Gentiloni al decreto della presidenza del consiglio che vara i nuovi Lea e anche il nuovo nomenclatore delle protesi, "un passaggio storico per la sanita' italiana", ha esultato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Malattie rare e nomenclatore: ecco le novità 
Quali sono le principali novita' introdotte nella sanita' pubblica? Innanzitutto vi e' una ridefinizione e l'aggiornamento degli elenchi delle malattie rare e di quelle croniche e invalidanti. Inoltre arriva un nuovo nomenclatore della specialistica ambulatoriale, aggiornato per l'ultima volta nel 1996. Questo nuovo nomenclatore introduce tutte le prestazioni di procreazione medicalmente assistita, sia omologa che etereologa. Fino ad oggi erano erogate solo in regime di ricovero.

Nuove terapie e nuove tecniche diagnostiche
Viene poi profondamente rivisto l'elenco delle prestazioni di genetica e viene inserita la consulenza genetica. E arrivano nuove terapie innovative: l'adroterapia, ovvero una radioterapia oncologica utilizzata per la cura del tumore al cervello; l'enteroscopia con microcamera ingeribile, ovvero la possibilita' di effettuare una gastroscopia attraverso l'ingestione di una pillola contenente una microcamera.

Vaccini e protesi
Per quanto concerne i vaccini, entrano nei Lea l'anti-papillomavirus e l'anti-pneumococco. Tra le malattie croniche e' ora inclusa l'endometriosi, che in Italia colpisce circa 3 milioni di persone. Con i nuovi Lea si rinnova anche il nomenclatore dell'assistenza protesica, che prevede fra le altre cose gli arti artificiali a tecnologia avanzata.

Malattie rare: 110 nuove voci
Per quanto riguarda la revisione dell'elenco delle malattie rare, e' previsto l'inserimento di oltre 110 nuove malattie, ad esempio la sarcoidiosi, la sclerosi sistemica progressiva e la miastenia grave. In Italia i malati di malattie rare sono tra i 450mila e i 600mila, e con i nuovi Lea saranno coperte dal Ssn 300mila persone che oggi ne sono prive. Tra le malattie croniche vengono inserite la celiachia e la sindrome di Down; previsto inoltre l'inserimento dell'endometriosi nell'elenco delle patologie croniche invalidanti, di conseguenza si riconosce alle pazienti il diritto di usufruire in esenzione di alcune prestazioni specialistiche di controllo. Con la revisione dell'elenco delle malattie croniche vengono introdotte 6 nuove patologie tra cui quelle renali e l'osteomielite cronica. La celiachia cambia classificazione e diventa una malattia cronica, non piu' una malattia rara.
Condividi