Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/La-Procura-di-Catania-smentisce-il-dissequestro-della-nave-Aquarius-14cf96cc-7d1c-45aa-a9e5-a51d17720d3f.html | rainews/live/ | true
ITALIA

Il caso

La Procura di Catania smentisce il dissequestro della nave Aquarius

Aquarius (foto LaPresse)
Condividi
Il presidente dell'Associazione A buon diritto, Luigi Manconi aveva annunciato in mattinata il dissequestro della nave Aquarius gestita da Medici senza Frontiere che era stata posta sotto sequestro dalla magistratura per l'accusa di smaltimento illecito di rifiuti. La notizia era stata poi ripresa da alcuni siti online. Ma la Procura di Catania ha poi smentito.

L'Aquarius non può essere stata dissequestrata perché non è mai stata sequestrata in quanto non era in Italia e il decreto del gip non è stato eseguito, né impugnato. Così precisa la Procura di Catania su notizie riguardanti la nave gestita da Medici senza frontiere.

Il Tribunale del riesame, spiegano dalla Procura, si è espresso soltanto, annullando il decreto, sul sequestro di 200mila euro di beni da due conti correnti intestati a Francesco Giannino, titolare della 'Mediterranean shipping agency' di Augusta (Siracusa), indagato nell'ambito di un'inchiesta sullo smaltimento di rifiuti a rischio 'infezioni' da navi di Ong che soccorrevano migranti.   

Notizia quest'ultima confermata anche dal legale dell'indagato, l'avvocato Dina D'Angelo, sottolineando di "essere stata l'unica parte in causa a presentare ricorso e a discutere davanti ai giudici".
Condividi