Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/La-cultura-che-disarma-2a00fcab-5499-4bb0-83c0-8b3b5086d90b.html | rainews/live/ | true
CULTURA

La cultura che disarma

Per la prima volta in Italia un Forum Internazionale dell'Informazione contro il crimine organizzato.

Condividi
di Maria Vittoria De MatteisRoma Il 5 dicembre si svolgerà a Roma, nell’Auditorium Parco della Musica: “A mano disarmata”, il primo Forum Internazionale contro le mafie. Un progetto ideato e realizzato dall’Associazione Stampa Romana, dalla Fondazione Musica per Roma e con l’Alto Patrocinio della Presidenza del Senato.

E’ un format articolato in diversi appuntamenti di informazione e formazione sul tema del giornalismo e del crimine organizzato sia a livello internazionale che locale. Concepito per essere un appuntamento annuale, il 5 dicembre prossimo sarà inaugurata la prima edizione, dedicata a un confronto fra le due strade parallele del narcotraffico mondiale: Messico e Calabria, Narcos e Ndrine.

Con gli studenti romani, il percorso è iniziato due mesi fa nelle scuole insieme ad attori, sceneggiatori, giornalisti, registi, produttori e scrittori, che hanno raccontato le mafie nazionali nei vari aspetti. 

La mattina vedrà protagoniste le storie con un testimone d’eccezione, quale il presidente del Senato Pietro Grasso, nonché ex Procuratore capo di Palermo ed ex Procuratore Nazionale Antimafia. L’anteprima del film documentario “Silencio” dell’inviato de La Repubblica Attilio Bolzoni per raccontare con le immagini la mattanza dei giornalisti in Messico e nella Calabria della Ndrangheta. A seguire un dibattito con Diego Osorno, Anabel Hernandez e Attilio Bolzoni.

Nel pomeriggio si cercherà di capire cosa vuol dire fare inchieste sui narcotrafficanti, oggi, per un giornalista che vive in Messico e le  similitudini che si possono trovare con il giornalismo italiano che si occupa di ndrangheta. “A mano disarmata” proverà a rispondere con le testimonianze di due ospiti straordinari: i giornalisti messicani Diego Osorno - il Saviano messicano - e Anabel Hernández, autrice di reportage, libri sul traffico di stupefacenti e sul giro di sfruttamento e riduzione in schiavitù che provoca. Insieme ai reporter italiani antimafia Lirio Abbate, Francesco La Licata, e al sostituto procuratore nazionale antimafia Maurizio De Lucia. Un incontro aperto al pubblico a cui parteciperanno studenti di scuole superiori, dell’università, giornalisti ed esponenti delle Forze dell’Ordine, della Magistratura e della società che combatte quotidianamente contro la malavita organizzata. 

In serata verrà consegnato il primo premio “A mano disarmata”: un riconoscimento per chi da anni indaga e rischia la vita per raccontare e denunciare le attività mafiose. Poi il docu-drama “Silencio”, di Attilio Bolzoni, con la presenza in scena di Luigi Carletti e Agente Kasper, Attilio Bolzoni, Diego Osorno, Anabel Hernández e i musicisti PMCE (Parco della Musica Contemporanea Ensamble).
Condividi