Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/La-lettera-di-Bruxelles-non-infiamma-lo-spread-b637bbea-9430-44d6-9780-01185b3b2c99.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

La lettera di Bruxelles non infiamma lo spread

Condividi
di Fabrizio PattiMilano La lettera della Commissione europea non ha provocato un terremoto in Borsa ma Milano comunque non segue le altre piazze europee, che restano positive. Per il Ftse Mib -0,12 per cento. 
Scende di tre punti base lo spread, da 132 a 129 punti base. Il rendimento del Btp, che ieri si era avvicinato all'1 per cento, è sceso allo 0,92 per cento. 
In tema di titoli di Stato, alle 13.30 il termine per gli investitori privati per sottoscrivere il Btp Italia. Ieri nella prima giornata forte richiesta, pari a 2 miliardi di euro, più del doppio dell'emissione precedente. Domani la sottoscrizione per gli investitori istituzionali. 

Sul mercato occhi sempre puntati a dazi e Brexit. L'euro che nell'ultimo mese ha perso il 2 e mezzo per cento verso la sterlina, oggi è in lieve recupero. 
I mercati seguono la scia positiva di Wall Street, dove le trimestrali di diverse grandi aziende hanno superato le aspettative. Ieri poi il consigliere economico di Trump Larry Kudlow ha detto che è possibile un accordo per cancellare l'aumento di dazi su merci cinesi di metà dicembre. 
Tra i titoli, migliori oggi sul Ftse Mib Recordati e Poste, i peggiori Leonardo e Buzzi Unicem. 
 
Condividi