CULTURA

Le radici di una cultura

La notte del liceo classico

Crescente successo dell'iniziativa, giunta ieri alla terza edizione

Il filosofo greco Aristotele
Condividi
Si è svolta ieri la terza edizione della 'Notte Nazionale del Liceo Classico', evento patrocinato dal Miur a cui hanno aderito 367 Licei classici di tutta Italia con programmi di vario genere, dalla lettura alla messa in scena. Il sottosegretario Angela D'Onghia, presente all'iniziativa del Polo Liceale "G. Galilei" di Monopoli (Ba), ha dichiarato: 'Il valore della cultura classica è sempre attuale nella formazione degli studenti. È una conoscenza essenziale, una ricchezza culturale che ha sempre contraddistinto il nostro Paese'".

L'idea, sorta per contrastare il luogo comune che vede nel latino e greco inutili "lingue morte", nasce tre anni fa per iniziativa del professor Rocco Schembra, docente in un liceo di Acireale (Ct). Da allora ha conquistato un numero crescente di adesioni. A conferma del  rinnovato interesse per una delle radici imprescindibili della nostra cultura, sono oggi diventati best seller due saggi che pongono l'accento su questo tema: "La lingua geniale, nove ragioni per amare il greco" (Laterza) di Andrea Marcolongo, e "Viva il latino. Storia e bellezza di una lingua inutile" (Garzanti) di Nicola Gardini. Alla vigilia, era giunto il sostegno del ministro Fedeli.

Fedeli: scoprire i classici, quanto di più bello al mondo
"Come ha detto Italo Calvino, 'non si creda che i classici vanno letti perché "servono" a qualcosa. La sola ragione che si può addurre è che leggere i classici è meglio che non leggere i classici'." Lo ha detto il ministro dell'Istruzione, Valeria Fedeli, nel suo messaggio di saluto agli studenti. "Perché scoprire o riscoprire i testi classici - ha affermato il ministro - con lo stupore e la meraviglia che solo la conoscenza può suscitare, è quanto ci sia di più bello al mondo. Anche per questo, ringrazio voi e tutta la comunità scolastica. Care ragazze e cari ragazzi, desidero rivolgere a voi, alle dirigenti e ai dirigenti, alle insegnanti e agli insegnanti, il mio saluto per questa bellissima iniziativa organizzata a favore del liceo classico, che coinvolge oltre 300 istituti in tutto il territorio nazionale". L'adesione a "'La Notte Nazionale del Liceo Classico' - aggiunge Fedeli - è cresciuta in questi tre anni in modo significativo, grazie soprattutto all'entusiasmo di chi intende la scuola come spazio aperto a tutte e tutti, dove pensare e costruire il futuro e dove condividere sentimenti e passioni, anche mettendo a frutto la lezione che proviene dai classici".
Condividi