SCIENZA

L'Esa lancia un nuovo satellite

La "sentinella" dell'inquinamento è nello spazio: monitorerà l'aria che respiriamo

La sonda misurerà ogni 24 ore la presenza dei principali gas inquinanti

Condividi
È stato lanciato dalla base russa di Plesetsk il satellite Sentinel 5-P, il primo al mondo in grado di fornire una mappa completa degli inquinanti presenti nell'atmosfera, individuandone l'origine.



L'azione di monitoraggio
Con l'aiuto di uno strumento di monitoraggio troposferico chiamato Tropomi, la sonda mapperà l'intero pianeta ogni 24 ore con una risoluzione di 7 per 3,5 chilometri, misurando la presenza dei principali gas inquinanti, pericolosi per la nostra salute e per il clima come diossido di azoto, ozono, formaldeide, diossido di zolfo, metano, monossido di carbonio e gli aerosol. 

Risultati tra qualche settimana
Sentinel 5-P è la sesta "sentinella" del pianeta di "Copernicus", programma nato dalla collaborazione fra la Commissione Europea e l'Agenzia Spaziale Europea (Esa). Nel giro di alcune settimane il satellite inizierà a lavorare, analizzando la composizione dell’aria che respiriamo una volta al giorno da più di 800 chilometri d'altezza.


Primi dati attendibili sull'inquinamento
Grazie ai dati che fornirà Sentinel 5P, i primi raccolti con un unico parametro di riferimento e di conseguenza standardizzati, sarà "possibile avere una misura attendibile della qualità dell'aria nelle città" ha detto il capo dell'ufficio di coordinamento dell'Esa per l'osservazione della Terra.
Condividi