SALUTE

Disabili gravi

La sofferenza dei malati, i drammi delle famiglie

Pensioni tra le più basse d’Europa, mancanza di servizi sociali ed assistenziali, spese altissime per farmaci e badanti. La vita, in Italia, di 3 milioni di disabili gravi. Colloquio con Vincenzo Falabella, presidente del FISH, la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap

Vincenzo Falabella, presidente del FISH
Condividi
Presidente l’Istat sostiene che in Italia ci siano più di 3 milioni di persone con disabilità grave, senza contare quindi gli anziani e i malati cronici: come vivono queste persone, nel nostro paese?

Purtroppo la quasi totalità del carico assistenziale di queste persone grava sulle loro famiglie. Infatti – e questo è un altro dato – la percentuale di presa in carico da parte dei servizi è sorprendentemente bassa e con disparità territoriali ancora notevoli. Troppo di frequente queste persone vivono situazioni di confinamento ed esclusione che noi intendiamo contrastare promuovendo politiche e servizi inclusivi, percorsi di vita indipendente, supporti alla domiciliarità, alla genitorialità, alla realizzazione di progetti di vita basati sulle aspettative e peculiarità di ognuno.

La spesa media pro capite per la disabilità è di più di 1200 in Danimarca, 740 euro in Germania, quasi 600 in Francia: da noi scendiamo a 430 euro. Cosa comprende questa cifra?​

In quella cifra c’è un po’ di tutto: dai trasferimenti monetari (pensioni di invalidità) ai servizi. Non è solo una differenza quantitativa quella fra l’Italia e gli altri Paesi ma anche di qualità. Nella nostra spesa – già molto bassa – prevalgono i trasferimenti monetari rispetto al mantenimento di servizi mirati, siano essi diretti o indiretti.

Prima ancora mancano politiche complessive che vadano oltre il mero assistenzialismo, peraltro sempre più compresso, per giungere alla vera inclusione.

l 70% delle famiglie con un disabile non usufruisce di nessun tipo di assistenza domiciliare, né privata né pubblica, sempre secondo l’ISTAT. E' un è problema di risorse che non ci sono, o di mancanza di attenzione politica ed amministrativa?

Dietro questo dato numerico ci sono genitori, fratelli, mogli, madri che rinunciano al loro lavoro, alla loro carriera lavorativa, alla loro stessa salute – con ciò che ne consegue in termini di impoverimento – per assistere un congiunto con grave disabilità.

Politiche compiute hanno necessità di risorse certe. Ma sarebbe un errore pensare che questa sia una spesa improduttiva: investire in buon welfare significa migliorare il Paese anche in termini economici e produttivi.

Malgrado esistano le quote riservate nelle assunzioni, meno del 20% delle persone con disabilità riesce a trovare un lavoro. Anche qui, è un problema di produzione o di scarsa sensibilità verso ci sia una persona con disabilità?​

I fattori congiunturali hanno gravato di più sulle categorie più esposte, fra le quali le persone con disabilità. Questo è accaduto perché il sistema non si era dotato di strumenti e meccanismi di protezione, di salvaguardia. Molti sono gli aspetti che incidono sulla bassa occupazione: i pregiudizi, la debolezza dei servizi per l’impiego, la scarsità dei controlli, la limitata valorizzazione delle buone prassi, la fragilità della mediazione azienda/lavoratore, la scarsa convinzione nelle possibilità di capacitazione del lavoratore. Ci aspettiamo che in sede di applicazione concreta dei decreti sul job acts sia possibile ripensare operativamente a tutti questi elementi.

Cosa ne pensa della legge sul "dopo di noi" all'esame del Parlamento? In cosa va migliorata?​

Speriamo che la lettura a Palazzo Madama possa limare alcuni degli elementi che ancora non convincono. Uno fra tutti: un divieto più perentorio ad ogni forma di segregazione. Ciò impone una scelta politica decisa: la deistituzionalizzazione e la progressiva chiusura di tutte quelle strutture che ad oggi sono di fatto segreganti.

Va anche detto che il tema del “dopo di noi” è un’emergenza. Oltre a intervenire sull’urgenza, è necessario adottare scelte precise che favoriscano il permanere al proprio domicilio, la costruzione e il rafforzamento dell’autonomia personale, il supporto (oggi, non domani) alla famiglia, alla genitorialità ma anche alla realizzazione di percorsi di vita indipendente.

 
Condividi