Rai News
TENDENZE

La svolta

Gucci, dalla prossima stagione addio alle pellicce animali

La casa di moda fiorentina ha parlato di un capo ormai "fuori moda"

La casa di moda Gucci chiude con il mondo delle pellicce animali, annunciando di sospendere la sua produzione a partire dalla collezione primavera-estate del 2018.  La notizia è stata data da Marco Bizzarri, Presidente e Ceo di Gucci, durante l'evento Kering Talk, al London College of Fashion.

Rispetto per gli animali
Bizzarri ha parlato di un capo ormai «fuori moda», rivendicando «l’impegno assoluto» di Gucci di fare «dello sviluppo sostenibile un elemento cruciale della nostra attività». Secondo il Times, l'amministratore delegato di uno dei leader mondiali della moda ha persino promesso di devolvere il ricavato dalle vendite di pellicce di quest’anno ad associazioni per la difesa degli animali come Humane Society International (Hsi) o l’italiana Lav (Lega antivivisezione). 

Chi esulta...
Con questa scelta, la casa di moda fiorentina si unisce a molti altri marchi mondiali e rivenditori, da Armani a Hugo Boss arrivando a Stella McCartney, Calvin Klein e Yoox. "La decisione di Gucci cambierà radicalmente il futuro della moda - è stato il commento di Simone Pavesi, responsabile della Lav-Area moda animal free - il rispetto degli animali è sempre più radicato nei valori delle persone e i grandi nomi della moda stanno gradualmente attuando politiche di responsabilità sociale in questa direzione".

...e chi no
Sorpresa dalla decisione, invece, la Federazione Internazionale Pellicce: per il presidente Mark Oaten "la svolta di Gucci per ragioni ambientali non ha senso: la pelliccia è l'elemento piu' naturale della moda - ha insistito - proviene dalla natura e dura per decenni, a differenza delle pellicce sintetiche".