Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Largo-ai-cartoons-alla-Croisette-arriva-il-kolossal-Inside-out-b8d91f29-749a-4c37-8dcc-cb528fb9d8e1.html | rainews/live/ | (none)
SPETTACOLO

Largo ai cartoons, alla Croisette arriva il kolossal Inside out

È il nuovo gioiello della Pixar diretto da Pete Doctor lo stesso che fu applaudito a Cannes per Up. Tra i film in concorso Louder than bombs e La loi di marché

Condividi
di di Laura Squillaci e Stefano Masi Primo dei film in concorso di questo lunedì sulla Croisette è Louder than bombs, pellicola d'esordio in lingua inglese per il regista scandinavo Joachim Trier. Un signor budget (11 milioni di dollari) per lui e un bel cast con Jesse Eisenberg, Gabriel Byrne e Isabelle Huppert nei panni di una fotografa di guerra che se n’è andata lasciandosi alle spalle il macigno di un segreto.



Arriva dalla Francia l’altro lungometraggio in concorso di questa giornata, La loi du marché di Stephane Brizé, protagonista un intenso Vincent Lyndon nei panni di un uomo che ha alle spalle venti mesi di disoccupazione e finalmente trova un impiego, che però lo mette di fronte a un serio dilemma morale.



Ma questa è soprattutto la giornata del primo kolossal d’animazione di questo 68esimo festival di Cannes, Inside Out, il nuovo gioiello della Pixar, diretto dallo specialista Pete Docter, che sei anni fa portò proprio qui sulla Croisette l’applauditissimo “Up”.



Quella di ieri è stata ancora una volta la celebrazione del Cinema italiano. Claudia Cardinale ha guidato sul red carpet una particolare delegazione. Quella che si è occupata di restituire la versione restaurata e senza censura del capolavoro di Luchino Visconti, Rocco e i suoi fratelli.



Insieme a lei, che ne era la protagonista con Alain Delon, c'erano Benicio Del toro rappresentante della Film foundation di Martin Scorsese che ha finanziato il restyling del film insieme a Gucci. Ecco allora spiegata la presenza sul red carpet di Charlotte Casiraghi, testimonial del marchio, e di Salma Hayek moglie di Francois Henry Pinault proprietario della Kering che possiede la quota di maggioranza di Gucci.



Dopo di loro sul tappeto rosso è stata la volta di Cate Blanchett e Rooney Mara, protagoniste di Carol il film di Todd Haynes che racconta la storia d'amore tra due donne. Cate Blanchett, che ha smentito di essere stata omosessuale in passato, è riuscita nell'impresa di risultare elegante anche con un abito, a palloncino e con vistose stampe firmato Giles, che avrebbe in crisi qualunque donna. 
Condividi