MONDO

Esclusiva RaiNews

Libia, Prodi: "No alla guerra, nulla avvenga senza l'Onu"

"Prima di ricorrere alla forza, bisogna esperire ogni tentativo di mediazione. Il problema è che all'Onu oggi manca una guida". L'ex presidente della Commissione Ue Romano Prodi interviene così sull'avanzata Isis in Libia

Condividi
"La questione libica è il prodotto della mancanza di dialogo tra popoli. Molti protagonisti, come gli esuli libici a Il Cairo, non sono mai stati sentiti". Queste le parole dell'ex premier Romano Prodi sull'avanzata dell'Isis in Libia e sugli scenari di intervento da parte della comunità internazionale. L'ex presidente della Commissione Ue dice subito "no alla guerra", a meno che non sia esperito "ogni tentativo di dialogo". "Quando si vuole agire in un Paese, bisogna conoscere tutta la complessità della situzione e le conseguenze delle azioni", scandisce Prodi, nell'intervista di Enrica Agostini di Rai News 24.

"Non so perché sulla richiesta del governo libico di essere io il mediatore con la comunità internazionale, non sia stato effettivamente coinvolto", chiarisce l'ex presidente della Commissione Ue. "Io sono sempre stato a disposizione del mio Paese e della pace", aggiunge Prodi.

"Nulla si può fare senza l'Onu, ma alle Nazioni Unite manca una guida"
E sugli scenari della situazione in Libia, l'ex premier avverte: "Nulla si può fare senza l'Onu, ma l'Onu ha poche armi, e il problema di oggi è che nelle Nazioni Unite nessuna Potenza ha un ruolo catalizzatore, di guida". "In questo caso, però - prosegue il fondatore dell'Ulivo - siamo nella situazione ideale per l'intervento delle Nazioni Unite, perché tutte le grandi potenze hanno paura dell'Isis". 

Ucraina, "Gli accordi questa volta possono essere rispettati"
Sulla tregua in Ucraina, Romano Prodi definsce "efficaci" gli accordi di Minsk e ritiene che le parti in gioco, questa volta "possano rispettarli". E la questione ucraina viene inquadrata dall'ex presidente Ue nel processo di "definizione delle zone cuscinetto tra le grandi potenze".

"Tsipras è un problema che può diventare un'occasione"
"Tsipras è un problema che può diventare un'occasione per l'Europa. Se si andrà verso la mediazione, si allungheranno i tempi, ma i problemi potrebbero restare. Ai tempi dell'unificazione, la Germania fu aiutata e tutti ne beneficiammo". Commenta così, Romano Prodi, la mediazione sul debito greco tra Atene e la Troika.

"L'approvazione delle riforme a maggioranza non mi convince"
"Non mi piace l'approvazione delle riforme costituzionali con l'Aula mezza Vuota", afferma Romano Prodi, sulla recente approvazione in prima lettura da parte della Camera, del Ddl Boschi.
"Io concepisco la democrazia come alternanza. Il Partito della Nazione fa alternanza con se stesso? Potrebbe essere una contraddizione. Posso accettare il partito della Nazione come larga rappresentanza di interessi". Questo il suo giudizio, sulla "centralità" del Pd nello scacchiere politico e sul progetto di Partito della Nazione.

Sulla dialettica politica stimolata dal premier Matteo Renzi, Prodi dice: "L'accumulo di nemici a livello nazionale e internazionale alla lunga può non pagare". 
Condividi