ITALIA

Livorno: l'addio alle vittime, Papa "prego per loro"

Condividi
A Livorno è il giorno del lutto.

Nella città toscana devastata dal nubifragio la notte tra sabato e domenica scorsi si celebrano le prime funzioni funebri per le vittime. Durante l'Udienza Generale in San Pietro, Papa Francesco ha indirizzato un messaggio. "Rivolgo il mio pensiero ed esprimo la mia spirituale vicinanza a quanti soffrono a causa dell'alluvione che ha colpito il territorio di Livorno" ha detto il Pontefice, e ha aggiunto: "Preghiamo per i morti, i feriti, per i rispettivi familiari e per quanti sono nella prova".

Questa mattina, intanto, si è iniziato a dare sepoltura ad alcune delle 8 vittime. I funerali, tutti in forma privata, sono iniziate alle 11. Il primo è stato quello di Raimondo Frattali, 70 anni, travolto dall'onda di piena che ha investito la sua casa di via Fontanelle dove viveva con la moglie e la figlia, che sono riuscite per fortuna a salvarsi salendo sul tetto dell'abitazione. Alle ore 11,30 si è invece tenuto il funerale di Roberto Vestuti, 74 anni. Nel pomeriggio, al cimitero dei Lupi, le esequie di Martina Bechini, 34 anni, la penultima vittima della piena del Rio Ardenza, e in Duomo i funerali della famiglia Ramacciotti (Roberto, Simone, Glenda e il piccolo Filippo), che hanno trovato tragicamente la morte nel seminterrato della palazzina di viale Nazario Sauro.

Domani, in attesa delle ultime autorizzazioni di rito, si dovrebbero svolgere i funerali di Gianfranco Tampucci, l'ultima delle vittime recuperate. Parallelamente al lutto cittadino proseguono a ritmo incessante i lavori dei soccorritori, così come i briefing delle autorità preposte a prendere decisioni per risolvere i tanti problemi ancora aperti. Il presidente della Regione Toscana, Enrico Rossi, si recherà nel pomeriggio a Livorno. Alle 18, presso la sede della Provincia, presiederà il tavolo delle categorie economiche e produttive, i sindacati, gli enti locali della Provincia di Livorno. All'ordine del giorno dell'incontro i danni procurati dall'alluvione al
tessuto economico-produttivo e gli inteventi necessari.
Condividi