MONDO

Dopo attentato

Londra: May e Corbyn nella moschea di Finsbury per preghiera

Capo Scotland Yard a musulmani: vi proteggeremo 

Condividi
La premier conservatrice Theresa May é arrivata in questi minuti alla moschea di Finsbury Park, a Londra, dinanzi alla quale si é consumato la notte scorsa l'attacco ad alcuni fedeli musulmani, investiti di proposito - secondo le indagini - da un uomo alla guida di un furgone. Sul posto é arrivato anche il leader dell'opposizione laburista, Jeremy Corbyn, per partecipare a una preghiera collettiva per le vittime. Presenti anche leader religiosi cristiani, ebrei e di varie fedi, accanto ai responsabili islamici della moschea.

Capo Scotland Yard a moschea, vi proteggeremo
Scotland Yard si impegna a "proteggere i musulmani" nei loro luoghi di preghiera a Londra, rafforzando la sorveglianza fin dai "prossimi giorni". Lo ha assicurato la comandante della polizia nella capitale britannica, Cressida Dick, giunta oggi alla moschea di Finsbury Park, teatro dell'attacco della notte scorsa, assieme al sindaco, Sadiq Khan. Dick ha definito l'accaduto "un terribile, terribile attacco" e ha ribadito che esso appare "chiaramente un attacco terroristico".

Sindaco Khan: il terrorismo è terrorismo "Resteremo una città unita, non ci divideranno"
"Il terrorismo è terrorismo a prescindere che si sia ispirati dall'Islam o da altre motivazioni", così il sindaco di Londra Sadiq Khan sul luogo dell'attacco avvenuto al di fuori della moschea di Finsbury Park, in cui una persona è morta. "L'intenzione è dividere la comunità, ma resteremo uniti, non ci divideranno", ha aggiunto il sindaco invitando i cittadini a riferire alle autorità episodi sospetti. Khan ha poi rassicurato la cittadinanza annunciando che "ci sarà tolleranza zero, saranno aumentati i poliziotti in servizio per aumentare la sicurezza".
Condividi