Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/LoveItaly-al-via-per-tutelare-il-patrimonio-italiano-6d6eb241-c9ed-4d91-963f-3735168e0f5d.html | rainews/live/ | true
CULTURA

Prime campagne di crowfounding, Pompei in testa

LoveItaly! al via per tutelare il patrimonio italiano

La nuova iniziativa non profit  ha aperto le prime campagne di raccolta fondi per il restauro di due tesori a Pompei e a Roma.

Condividi
Creare una comunità globale che partecipi attivamente alla salvaguardia del patrimonio culturale italiano attraverso la potente energia del crowdfunding e con il faro della totale trasparenza e tracciabilità dei fondi raccolti.

LoveItaly! intende creare movimento internazionale che, partendo dal basso, dalle donazioni della gente, raccolga intorno all’obiettivo di restituire centralità al nostro patrimonio culturale tutti gli attori interessati: Istituzioni, università, musei, istituti di belle arti, stampa internazionale e aziende sensibili al tema della valorizzazione della cultura italiana.

LoveItaly! ha aperto le prime due campagne di crowdfunding: la prima riguarda il restauro del Cubicolo 3 della Domus del Centauro a Pompei, una stanza del II secolo a.C. ricca di decorazioni in I stile pittorico. Il secondo progetto è il restauro, ad opera dell’Istituto Superiore per la Conservazione e il Restauro, di uno straordinario sarcofago di età imperiale custodito nella Galleria Corsini di Roma.

Sulla nuova sinergia tra pubblico e privato che sta nascendo, nell’ambito delle risorse finanziarie destinate ai beni culturali, è intervenuto Fabio Galeandro, funzionario archeologo della Soprintendenza Speciale per Pompei, Ercolano e Stabia: “Con il Grande Progetto Pompei – ha affermato Galeandro – è in atto un importante intervento finanziato dalla Comunità Europea. Questa iniziativa, tuttavia, sta volgendo al termine e per Pompei una formula come quella di LoveItaly! è interessante in quanto istituisce una relazione nuova con i monumenti, in cui la nostra competenza specialistica incontra l’emozione degli appassionati”.

L’Italia, con circa 48 milioni di turisti all’anno e il maggior numero di siti Unesco al mondo, ha la incombente necessità di rivedere le scelte in tema di cultura, immensa risorsa per il Paese. Nel 2012 Roma è stata la 12esima città più visitata al mondo. 
Condividi