Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/M5s-le-chat-che-mettono-nei-guai-Giulia-Sarti-Rocco-Casalino-Si-e-coperta-con-il-mio-nome-988aa8b6-af6c-4b0c-a87b-e5337b51be45.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Il caso

M5s,Rocco Casalino: "Sarti si è coperta con il mio nome". Di Maio: espulsione doverosa

"Se avessi saputo di questi ammanchi o di giri strani l'avrei messa fuori. Io non tutelo i parlamentari, ma il Movimento, come sanno tutti", ha detto il portavoce del Presidente del Consiglio. Il Pd chiede a Conte di riferire in aula. Intanto l'ex compagno di Giulia Sarti valuta una querela per calunnia

Condividi
Non si placa il clamore politico e giudiziario sul "caso Sarti", la deputata M5S che ieri si è autosospesa da presidente della commissione Giustizia della Camera perché coinvolta in un caso di mancati rimborsi di stipendio. 

Di Maio: espulsione doverosa dal Movimento
Le dimissioni di Giulia Sarti dalla presidenza della Commissione Giustizia della Camera sono un "atto doveroso". Lo dice il vicepremier, Luigi Di Maio, spiegando che per quanto riguarda l'espulsione dal Movimento si dovrà attendere la valutazione dei probiviri. "Credo - aggiunge Di Maio - che l'espulsione sia doverosa".

Casalino: "Sarti si è coperta dietro il mio nome"
Sulla vicenda interviene stamattina il portavoce del Presidente del Consiglio. "Sarti si è coperta dietro il mio nome con l'allora compagno, se avessi saputo di questi ammanchi o di giri strani l'avrei messa fuori. Io non tutelo i parlamentari, ma il Movimento, come sanno tutti", dice Rocco Casalino in una dichiarazione a 'Il Messaggero'.  

Pm: irrilevante sentire Casalino 
Rocco Casalino e Ilaria Loquenzi non sono stati sentiti nell'indagine su Andrea Tibusche Bogdan, l'ex compagno della deputata M5s Giulia Sarti. Né gli inquirenti intendono in futuro interrogare il portavoce di Palazzo Chigi e la responsabile comunicazione dei 5 Stelle. È quanto si apprende da fonti della Procura riminese. La loro audizione sarebbe stata ritenuta irrilevante: nel fascicolo si indagava su una presunta sottrazione di somme e non su chi, come emergerebbe da alcune chat agli atti, avrebbe detto alla deputata cosa fare.

Pd: "Conte riferisca in Parlamento"
 "Chiedo formalmente che il presidente del Consiglio Giuseppe Conte venga a riferire di questi fatti gravissimi ed allontani immediatamente il soggetto Rocco Casalino che si è coperto di un reato, l'istigazione a delinquere, e che svolge non un ruolo di garanzia come portavoce del presidente del Consiglio": lo dice nell'Aula della Camera Alessia Morani del Pd riferendosi alla vicenda della deputata M5S Giulia Sarti.

L'ex compagno valuta una querela per calunnia
Una querela per calunnia o una richiesta civile di risarcimento danni nei confronti di Giulia Sarti. Sono le due azioni che sta valutando Andrea Tibusche Bogdan, l'ex fidanzato della deputata M5s che ieri, dopo la notizia della richiesta di archiviazione da parte della Procura di Rimini della sua denuncia per appropriazione indebita, si è autosospesa dal Movimento e ha lasciato la presidenza della commissione Giustizia di Montecitorio.

"Mi riservo di incontrare il mio assistito, che al momento è fuori dall'Italia", dice il legale di Bogdan, avvocato Mario Scarpa, spiegando che si stanno valutando le due azioni e che al momento queste potrebbero essere indirizzate unicamente nei confronti di lei e non di altri esponenti del M5s. Intanto a Rimini si attende la decisione del Gip sulla richiesta di archiviazione del fascicolo a carico di Bogdan.

Le chat incriminate
"Le Iene hanno i nomi da mesi e mi hanno chiesto se denuncio te perché mi stanno chiedendo come uscire da questa storia"(...) "me l'ha chiesto Ilaria con Rocco. Per salvarmi la faccia...". A parlare è la parlamentare grillina Giulia Sarti nelle chat via Telegram - il cui contenuto è stato pubblicato oggi su alcuni quotidiani - consegnate dal suo ex fidanzato Bogdan Andrea Tibusch e ai magistrati di Rimini, che ne hanno proprio per questo motivo chiesto l'archiviazione nell'inchiesta in cui era indagato per appropriazione indebita. Dalle chat emerge che c'era un accordo tra la Sarti e il suo ex per far ricadere su di lui la colpa dei mancati versamenti al Movimento. Anzi, secondo quanto riferito dalla stessa parlamentare M5s nel colloquio via Telegram con Bogdan, la richiesta di sporgere denuncia nei suoi confronti sarebbe arrivata proprio dai responsabili della comunicazione del Movimento, Ilaria Loquenzi e Rocco Casalino.

Accuse che, come detto, che il numero uno della comunicazione Cinquestelle rispedisce al mittente: "Sarti si è coperta dietro il mio nome con l'allora compagno, se avessi saputo di questi ammanchi o di giri strani l'avrei messa fuori. Io non tutelo i parlamentari, ma il Movimento, come sanno tutti", ha detto Casalino a 'Il Messaggero'.
Condividi