Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Maltempo-Crollo-delle-temperature-e-neve-Nord-allerta-gialla-Ferrovie-dello-Stato-attivano-piano-1e643571-aa42-4da1-8c3f-bb1ea0f0f8e7.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Condizioni meteo avverse

Maltempo. Crollo delle temperature e neve. Nord: allerta gialla. Ferrovie dello Stato attivano piano

È allerta gelo in tutta Italia, con il crollo delle temperature al Centro-Sud mentre al Nord è attesa neve a partire da oggi, dal Piemonte fino al Veneto e all'Emilia Romagna. La Protezione civile ha emesso un avviso di condizioni meteo avverse. In allerta i Piani neve e gelo di Ferrovie dello Stato

Condividi
Sono gli effetti della perturbazione atlantica, la n.7 di dicembre precisano dal Centro Epson Meteo, in avvicinamento da Ovest. Ad annunciare il ritorno del maltempo sulla Penisola è il Dipartimento della Protezione civile che ha emesso un avviso di condizioni meteo avverse.

L'avviso prevede, in particolare, dalla mattinata di domenica nevicate da deboli a moderate, fino a quote di pianura, su Piemonte, Lombardia ed Emilia-Romagna.

Dal pomeriggio le nevicate - da deboli a moderate - si estenderanno alle zone interne della Liguria e sulla Toscana orientale a quote superiori ai 300-500 metri e al di sopra dei 400-600 metri interesseranno le Marche, con quota neve in ulteriore abbassamento fino a 100-300 metri nel corso della notte.

Dalla serata, infine, si prevedono nevicate da deboli a moderate, al di sopra dei 400-600 metri, su Abruzzo ed Umbria.     

Il Piemonte dovrebbe registrare per primo gli effetti della nuova perturbazione atlantica. Secondo l'avviso emesso da Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) è allerta gialla per la neve sulle zone appenniniche del Piemonte, ma sarà imbiancata anche Torino, soprattutto nelle zone collinari.

Anche la Smi (Società Meteorologica Italiana) prevede neve o nevischio a Torino, con possibili lievi depositi nella città della Mole. In Liguria è scattata l'allerta gialla con attesa di pioggia sulla costa e neve nell'entroterra.

Codice giallo per neve e ghiaccio oggi in Toscana, dove la zona interessata dal maltempo è molto ampia e abbraccia tutte le aree centro-settentrionali e orientali. Sulle zone interne è possibile la locale presenza di ghiaccio, talvolta anche a quote di pianura.

Mentre a Venezia, rendono noto la Centrale operativa della Polizia locale e la Protezione civile del Comune, è scattato lo stato di preallerta per possibili nevicate e gelate.   

In questo quadro e, in seguito al bollettino diramato dalla Protezione Civile, le Ferrovie dello Stato hanno attivato la fase di allerta dei propri Piani neve e gelo.

In particolare in Valle d'Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia sud occidentale, Emilia-Romagna e Alto Veneto. Scendendo lunga la costa adriatica, è allerta meteo di colore giallo per neve, dalla scorsa mezzanotte a quella di oggi, sull'Emilia-Romagna ad esclusione delle coste dove l'allerta è di colore verde.

A Campobasso e nelle zone collinari del medio Molise già si fanno i conti, da ieri, con una leggera nevicata. Con allerta gialla per piogge sul settore orientale e sulla costa con venti forti da nord e mare molto mosso. Lo stesso domenica con tempo perturbato con precipitazioni a carattere nevoso  a partire dalla seconda parte della giornata.

Con il forte e repentino abbassamento della temperatura accompagnato da gelate anche in pianura sono a rischio i raccolti di verdure e ortaggi coltivati all'aperto. È l'allarme lanciato dalla Coldiretti per lo sbalzo termico improvviso che ha inevitabilmente un impatto anche sull'aumento dei costi di riscaldamento delle produzioni in serra.

A preoccupare gli agricoltori - sottolinea la Coldiretti - sono i seri danni per le colture nei campi che sono impreparate di fronte al drastico ed improvviso calo della colonnina di mercurio con gelo e neve.

Tra le produzioni orticole di pieno campo, con temperature sotto lo zero sono a rischio le coltivazioni invernali come cavoli, verze, cicorie e broccoli.

Siamo di fronte - conclude la Coldiretti - all'ennesima anomalia di un 2018 segnato da un andamento climatico estremo con caldo, siccità alternati a violenti temporali e gelo che hanno causato danni di oltre un miliardo e mezzo all'agricoltura.
Condividi