Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Manovra-Bankitalia-condivisibile-crescita-Pil-2020-a-piu-0-virgola-6-40db6995-2ef2-484d-9427-b061b69614ac.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

Audizione a Palazzo Madama

Manovra, Bankitalia: condivisibile crescita Pil 2020 a +0,6%

Anche la stima di crescita dell'1% per il 2021 "non è fuori portata", ha detto il vice direttore generale di Bankitalia, Luigi Federico Signorini. Sulle clausole di salvaguardia serve reperire "coperture alternative" per il 2021 e 2022. Ok agli incentivi per i pagamenti elettronici: "La lotta al contante può ridurre l'evasione". L'Ufficio parlamentare di bilancio: "Nella manovra troppe incertezze, zavorra clausole"

Condividi
"La stima di crescita dell'economia italiana dello 0,6% contenuta nella legge di bilancio "si conferma condivisibile e in linea con le nostre valutazioni più recenti". Lo ha detto il vice direttore generale di Bankitalia, Luigi Federico Signorini, durante un'audizione sulla manovra alle commissioni Bilancio riunite di Camera e Senato a Palazzo Madama. E anche la stima di crescita dell'1% per il 2021 fissata nella manovra "non è fuori portata" ma è necessario che "si mantengano condizioni finanziarie distese e che non si indebolisca ulteriormente il quadro internazionale" ha sottolineato Signorini. Le stime sul 2020 - ha proseguito - "sono ragionevoli" mentre nel medio periodo il quadro programmatico previsto dal Governo si basa su due presupposti: "il mantenimento, dal 2021,di significative entrate derivanti dall'attuazione di clausole di salvaguardia relative alle aliquote dell'Iva; il permanere di condizioni finanziarie distese".

Coperture alternative per clausole Iva 2021/2022
Nel 2021 e 2022 le clausole di salvaguardia residue restano a un livello "significativo" al netto degli effetti della manovra, pari a un punto percentuale di Pil e 1,3 punti rispettivamente. Se venissero abolite senza compensazioni "il peggioramento strutturale dei conti sarebbe considerevole" e dunque "si riproporrà l'esigenza di reperire coperture alternative", ha evidenziato il vice direttore generale di Bankitalia.

Regole semplici per pagamenti elettronici, possibile aumento transazioni del 10%
Bankitalia poi "guarda con favore a iniziative che incentivano l'uso di strumenti innovativi, che riducono i costi delle transazioni e possono contribuire a recuperare il ritardo nella digitalizzazione dell'economia italiana" ha detto Signorini affrontando il tema delle misure per ridurre l'uso del contante. "Sarà importante stabilire forme di attuazione pratica che siano semplici ed efficaci", ha sottolineato auspicando che sia evitato "qualsiasi appesantimento burocratico per le parti coinvolte". Per Bankitalia "i guadagni di efficienza derivanti da una maggiore diffusione della moneta elettronica potranno e dovranno andare a beneficio di tutti: consumatori, fornitori di beni e servizi, banche e altre istituzioni finanziarie. E' importante che i gestori delle reti di pagamento investano risorse adeguate per l'innovazione tecnologica".   

Secondo via Nazionale, infine, "la propensione all'utilizzo della carta da parte del cliente è sensibile a incentivi monetari simili a quelli prefigurati dalla manovra (cash-back, premi, sconti, punti). Sulla base delle elasticità generalmente stimate, ci si può attendere, come effetto congiunto dei provvedimenti di incentivo previsti dal governo, un aumento delle transazioni elettroniche dell'ordine del 10 per cento".

La lotta al contante può ridurre l'evasione
Da Bankitalia poi considerazioni anche sull'incentivo ai pagamenti elettronici che potrebbe ridurre l'evasione fiscale, anche se il governo non ha messo nero su bianco alcuna emersione di base imponibile. "E' plausibile che nel medio periodo esso possa contribuire a ridurre la propensione a evadere", ha detto Signorini, aggiungendo che "l'incentivo funzionerà bene se si riuscirà ad attuarlo in modo semplice e chiaro".

Ok bonus asilo nido ma necessarie misure a regime
"Gli effetti del bonus per gli asili nido sono potenzialmente rilevanti; ma la scelta di legarlo all'Isee, un indicatore delle risorse disponibili a livello familiare, potrebbe scoraggiare l'offerta di lavoro di un secondo percettore di reddito, specie in prossimità delle soglie che determinano l'ammontare dell'importo: tanto più in quanto le rette che le famiglie pagano per gli asili nido sono già modulate in funzione dell'Isee. L'esperienza potrà dare indicazioni utili per definire l'assetto a regime delle misure di sostegno alla famiglia" ha indicato Signorini.

Plastic Tax in linea con l'Ue ma bonus limitato
A proposito dell'introduzione di una imposta sulla plastica non compostabile Bankitalia sottolinea che "è in linea con gli obiettivi di una recente direttiva europea", ma "il processo di modernizzazione tecnologica delle imprese potrebbe risentire della dimensione ridotta e della breve durata del credito di imposta per l'adeguamento tecnologico degli impianti" ha evidenziato il vice direttore generale della Banca d'Italia.

Ufficio parlamentare di Bilancio: troppe incertezze, zavorra clausole
La manovra economica per il 2020 contiene "una programmazione con troppe incertezze". In particolare, fissa per "il 2020 un livello del rapporto deficit-Pil stabile rispetto agli anni precedenti, rinviando agli anni successivi la sua riduzione. Riduzione, per conseguire la quale ci si affida ancora principalmente alle clausole di salvaguardia su Iva e accise (19 miliardi nel 2021 e oltre 25 miliardi nel 2022) che zavorrano il quadro programmatico di bilancio senza che sia fornita alcuna indicazione sul loro destino futuro". E' quanto afferma il presidente dell'Ufficio parlamentare di bilancio (UPB), Giuseppe Pisauro, in audizione sulla manovra nelle commissioni Bilancio di Camera e Senato.

Nella manovra, prosegue, "vengono inoltre presi impegni divergenti nel triennio in materia di entrate e spese: al netto delle clausole di salvaguardia, le prime tendono a ridursi (dai 7,5 miliardi del 2020 ai 3,9 miliardi del 2022), le seconde a salire sensibilmente (da 0,7 miliardi il prossimo anno a 11,3 miliardi del 2022").
Condividi