Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Manovra-Berlusconi-da-riscrivere-da-Conte-marcia-indietro-una-buffonata-3c17ee24-b02f-49cc-9a4d-0a46eac9cda7.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Il nuovo libro di Vespa

Manovra, Berlusconi: è da riscrivere, da Conte marcia indietro, una buffonata

"Non bisogna cambiare manovra, bisogna cambiare questo governo di incapaci", dice l'ex premier, che annuncia: è molto probabile che mi candidi alle elezioni europee

Condividi
"Ben venga l'accordo con l'Europa ma è una manovra da riscrivere: i mali sono già arrivati, i titoli di Stato hanno perso valore". Lo ha detto il presidente di Forza Italia, Silvio Berlusconi, alla presentazione del libro di Bruno Vespa "Rivoluzione". "Non ci sono avvisaglie buone in nessun settore", ha aggiunto.

"Da Conte - ha proseguito - sulla manovra c'è una marcia indietro sicura: siamo a una buffonata assoluta", sottolineando: "Non bisogna cambiare manovra ma governo, composto da incapaci", perchè "non c'è alcun aspetto della manovra da salvare". E ancora: "Il reddito di cittadinanza è una bufala, un bluff. Sono certo che ci sarà una nuova recessione".

"Abbiamo detto a Salvini, prova a fare il governo ma tieni nel programma il centrodestra. Ma questo non è accaduto. Siamo a una situazione in cui Salvini non rispetta gli impegni con la Lega", ha proseguito Berlusconi, che poi ha aggiunto: "Non conosciamo i nomi ma conosciamo i discorsi tra esponenti dei M5s e i nostri senatori per creare un gruppo autonomo di responsabili per dar vita a un nuovo governo. Il nuovo leader sarebbe Salvini come deciso prima del voto".

Poi sulle prossime elezioni europee, ha rivelato: l'ultimo sondaggio sul nuovo eventuale partito di Renzi "ci dice che arriverebbe massimo al 6%". Con l'ex segretario Pd, ha aggiunto, "non ci siamo mai risentiti. Non ho nulla contro Matteo Renzi, ma so che avere contatti con lui avrebbe conseguenze negative sul nostro elettorato". Infine l'annuncio: "E' molto probabile che accetti di presentarmi alle elezioni europee, magari presentandomi in tutti i collegi, magari seguito da una donna. Questo varrebbe tra il 3 e l'8% dei voti in più".
Condividi