Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Manovra-Conte-deficit-Pil-611cf5ea-fa44-499b-8e51-78817b6ebfce.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Manovra, Conte: "Il deficit? Non partecipo al gioco dei decimali, porteremo benefici al Paese"

"Saprete il numero finale l'ultimo giorno" dice il premier nel corso della conferenza con la stampa italiana a margine dell'Assemblea generale dell'Onu

Condividi

"Con la manovra porteremo benefici al Paese". Così il Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, nel corso della conferenza con la stampa italiana a margine dell'Assemblea generale dell'Onu. Il premier non si sbilancia sul rapporto deficit/pil: "Non partecipo al gioco dei decimali"- precisa-. "L'ultimo giorno conoscerete il numero finale" risponde, aggiungendo che la manovra sarà orientata a "liberare la crescita".

"Con i fatti daremo crescita"
"Con i fatti porteremo invece gran bene agli italiani, la manovra porterà beneficio al nostro Paese che ha bisogno di crescita economica, sviluppo sociale e anche giustizia sociale" conclude il premier, rispondendo a chi gli fa notare che Draghi ha detto che attende i fatti perché con le sue frasi il governo ha creato problemi sui mercati.

"Ci saranno tante riforme strutturali, l'Italia deve liberare la crescita, non posso sentirmi sereno con un Paese che cresce dello 0,9 o 1,1%, stiamo lavorando per liberare la crescita. Quel tasso di crescita inadeguato e ci sono aspetti che non mi fanno dormire la notte: con una povertà per 4,7 milioni di persone chi governa fa qualcosa per recuperare nel mondo del lavoro le persone che hanno perso la loro dignità, perché chi perde lavoro perde dignità", sottolinea il premier.

"Se manovra non equa io non ci dormo"
"Al vicepremier non rispondo tramite lei, ci vediamo e sentiamo tutti i giorni. Ci siamo sentiti prima di partire, quando siamo arrivati a New York. Sono io che non dormo la notte se nella manovra economica non sono contenute adeguate misure per le persone che stanno soffrendo, per le questioni di equità e giustizia sociale" afferma poi il premier, rispondendo a chi gli chiede di commentare le frasi di Di Maio secondo cui il M5s potrebbe non votare il Def senza reddito di cittadinanza.

Condividi