Original qstring: refresh_ce | /dl/rainews/articoli/Manovra-arriva-ecotassa-sulle-auto-piu-inquinanti-fino-a-mille-euro-in-piu-per-una-Panda-966b042d-b023-4b76-b653-3ea334e5ad5e.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Le misure del governo

Manovra, arriva l'ecotassa sulle auto più inquinanti. Fino a mille euro in più per una Panda

Il ministro dello Sviluppo Economico Di Maio parla di "un bonus malus sulle auto che permette di pagare meno tasse e avere meno aggravi in base a quanto fa di emissioni la macchina. Le auto elettriche costeranno di meno". Contrario Salvini. Critici sindacati e costruttori: "Misura miope"

Condividi
Spunta a sorpresa nella legge di bilancio un bonus malus per le auto in base alle emissioni di Co2. La novità arriva con un emendamento approvato dalla commissione bilancio della Camera. Dal primo gennaio 2019 ci sarà un'imposta crescente - dai 150 ai 3.000 euro - se si immatricolerà un'auto nuova con emissioni superiori ai 110 g/km, mentre sarà dato un incentivo - da 6.000 a 1.500 euro - per i veicoli con emissioni tra 0 e 90 g/km di CO2.

Di Maio: "Incentivi per auto ecologiche"
Il ministro dello Sviluppo Economico, Luigi Di Maio, parla di "un bonus malus sulle auto che permette di pagare meno tasse e avere meno aggravi in base a quanto fa di emissioni la macchina. Le auto elettriche costeranno di meno e finalmente le portiamo sul mercato, dove finora hanno avuto una quota irrisoria. Ci saranno fino a 6 mila euro di incentivi per l'acquisto di un'auto elettrica".
Il provvedimento non piace all'Anfia, l'Associazione Nazionale Filiera Industria Automobilistica

Contrario Salvini: "Nessuna nuova tassa sulle auto"
"Sono assolutamente contrario ad ogni forma di nuova tassa su un bene gia' ipertassato in Italia". Il vicepremier e ministro dell'Interno Matteo Salvini commenta cosi' ai microfoni di Radiouno Rai l'ipotesi di un'ecotassa sulle auto non elettriche. "Se ci sono bonus per chi vuole cambiare, benissimo - sottolinea Salvini - ma non penso che ci sia qualcuno che ha un euro3 diesel per il gusto di avere la macchina vecchia, evidentemente non ha i soldi per comprarsi la macchina nuova".


Sulla Panda imposta tra i 400 e 1000 euro
Se prendiamo ad esempio il modello più venduto in Italia - spiega l'Anfia - la Panda 1.2 prodotta a Pomigliano, tra le vetture non ibride con le più basse emissioni di CO2, con il nuovo sistema si pagherà un'imposta che varia dai 400 ai 1.000 euro. Il vantaggio sarà quindi solo per chi comprerà costose auto elettriche.

Il Ministro Costa: "Bisogna tener conto di chi ha la 'Pandarella'"
Nel dibattito interviente anche il ministro dell'ambiente, Sergio Costa (M5S), intervistato alla trasmissione "Radio anch'io" su Rai Radio1.  "Abbiamo un principio europeo, chi inquina paga, che non e' repressivo, ma preventivo: se tu non intendi allinearti alla salvaguardia del pianeta, devi essere sfavorito. Ecco perché c'è l'incentivazione sulle auto elettriche, che deve essere estremamente sostenuta, e dall'altra parte bisogna bilanciarla tenendo conto della povera gente, che magari ha la 'pandarella' e ha difficoltà.

Favorire chi non inquina
"Dobbiamo tendere a favorire chi non inquina, e di conseguenza orientare il mercato, perche' deve essere conveniente non inquinare - ha aggiunto Costa - detto questo, poi c'e' il dibattito politico. l'importante e' il dialogo, per vedere la visione nella quale ci stiamo muovendo".

Azzolina (M5S): "Teniamo moltissimo a questa misura"
"In questo momento c'e' un emendamento approvato alla Camera. Quella e' una misura alla quale noi teniamo tantissimo". Cosi' la deputata M5s Lucia Azzolina, ad Agora' su Rai Tre, a proposito delle misure in favore dell'auto elettrica previste nella manovra. "E' l'elettrico il futuro. Noi stiamo inquinando le nostre citta'. Ci stiamo ammalando. Moriamo di inquinamento", aggiunge.

Gelmini (FI): "Bastonata per chi deve acquistare auto"
"Dal governo gialloverde, quello del cambiamento e del popolo, arriva una nuova stangata sulle auto. L'esecutivo tassa le utilitarie, le diesel e benzina. Una bastonata, un salasso per chi deve comprare una nuova autovettura e per chi magari ha gia' parecchie difficolta' nel farlo". Lo scrive su Twitter Mariastella Gelmini, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.




CGIA: "A richio 50mila posti di lavoro"
 No alla tassazione su auto diesel e benzina si mettono a rischio 50 mila posti di lavoro nell'autoriparazione. Ad affermarlo la Cgia di Mestre che esprime, in una nota, un secco no all'ipotesi di una ulteriore tassazione sulle nuove auto a benzina e diesel per favorire l'acquisto di quelle elettriche pur rimanendo favorevole alle vetture 'green'. "Già oggi in Italia sul settore dell'auto grava un carico fiscale di oltre 70 miliardi di euro all'anno - rileva Paolo Zabeo della Cgia - un record negativo che nessun altro Paese ci invidia. Con questa ennesima stangata, inoltre, a pagare un conto salato sarebbe anche una buona parte dei 150 mila addetti che trovano lavoro nel settore dell'autoriparazione". "Incentivando l'elettrico a scapito delle auto alimentate a benzina o diesel - rileva -, molti meccanici auto, ad esempio, rischierebbero di veder crollare il proprio fatturato, visto che le auto elettriche presentano pochissime parti mobili. E non è da escludere che tra elettrauto e meccanici nel giro di un paio di anni sarebbero almeno 50 mila addetti che sarebbero costretti a trovarsi un altro lavoro". 

Federmeccanica: "Misura miope"
L'alzata di scudi è generale e trasversale. Unisce imprese e sindacati. "Finirà che gli operatori del settore auto e i lavoratori dovranno scendere in piazza insieme. Il governo è di nuovo riuscito a unire imprese e lavoratori nella protesta", sottolinea il presidente di Federmeccanica Alberto Dal Poz. Parla di "misura miope che non aiuta a rinnovare il parco auto" l'Unrae, l'associazione delle case estere in Italia, mentre per Federauto il provvedimento "disincentiva le vendite con gravi conseguenze occupazionali".

Critici i sindacati
Concordano tutti i sindacati. "Dal Governo l'ennesimo schiaffo all'industria nazionale e all'ambiente. Queste norme schizofreniche sono un danno per il Paese e i lavoratori", afferma Marco Bentivogli, segretario generale della Fim Cisl. "Gli investimenti già programmati verranno messi in discussione, e le ripercussioni saranno pesantissime per l'occupazione", sottolinea Ferdinando Uliano, segretario nazionale della Fim. Per il numero uno della Uilm, Rocco Palombella, "colpire il comparto dell'auto significa mettere a repentaglio decine di migliaia di posti di lavoro". E' una "misura estemporanea" anche per Michele De Palma, segretario nazionale Fiom e responsabile automotive, che chiede al governo di "non investire per pochi, ma per le auto di massa ecologiche e nel car sharing ibrido ed elettrico".
Condividi