Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Manovra-migliaia-di-emendamenti-al-Senato-oltre-1000-presentati-dalla-maggioranza-59faf857-9850-4c20-b895-fd8558a30a12.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Dalla tassa ridotta sulle auto aziendali all'Imu per la Chiesa

Manovra, circa 4550 emendamenti al Senato: più di 1000 quelli della maggioranza

Il ddl è atteso in Aula a Palazzo Madama dal 3 dicembre, per poi passare in commissione Bilancio alla Camera e in Aula a Montecitorio con l'obiettivo del via libera definitivo in Senato in terza lettura

Condividi
Sono circa 4550 gli emendamenti alla manovra presentati dai gruppi parlamentari alla manovra in commissione Bilancio al Senato. Oltre mille quelli presentati dalla maggioranza, 400 dal Movimento Cinque Stelle, 900 dal Pd, 200 da Italia Viva.

Dalla stretta sulle auto aziendali, all'Imu per la Chiesa fino agli incentivi per i pannolini green, arriva la carica di emendamenti del Movimento 5 Stelle alla manovra. Il termine per la presentazione in commissione Bilancio al Senato era fissato per oggi alle 15. Il ddl è dunque atteso in Aula a Palazzo Madama dal 3 dicembre, per poi passare in commissione Bilancio alla Camera e in Aula a Montecitorio con l'obiettivo del via libera definitivo in Senato in terza lettura. Una corsa contro il tempo che dovrà concludersi entro il 31 dicembre.

Da M5s 400 emendamenti
Dall'Iva ridotta per i prodotti per la prima infanzia (dai pannolini agli omogeneizzati al latte in polvere) e - al 5% - per gli assorbenti e altri prodotti per l'igiene femminile se sono completamente biodegradabili, al bonus di 15 mln di euro per il 2020 per chi deve effettuare un trasloco (per favorire chi cambia casa e per scoraggiare il fenomeno dell'abusivismo). Poi la proroga al 18 aprile per i truffati dalle banche per presentare domanda di indennizzo (il fondo Fir) e il pagamento dell'Imu da parte della Chiesa Cattolica e un credito di imposta di 15 mln di euro per l'anno prossimo per l'istallazione di sistemi di videosorveglianza.

Sono alcune delle oltre 400 proposte di modifica della manovra presentate in commissione Bilancio del Senato dal Movimento 5 stelle. Si chiede anche di escludere dalla nuova plastic tax i prodotti monouso in plastica biodegradabile o quelli che contengono almeno il 25% o il 50% di plastica riciclata. Vuoto a rendere non solo per il vetro ma anche per i contenitori di plastica per acqua e bibite,saponi, detersivi, shampoo, e pure per le lattine. Tra gli emendamenti anche una detrazione fino a 1000 euro per chi installa a casa i filtri per l'acqua (e 5 mila per chi li mette in bar e ristoranti), un ecobonus per alberghi e strutture ricettive 'eco-sostenibili' e un programma 'Mangiaplastica' con incentivi ai Comuni che installano ecocompattatori.

Il Movimento chiede con un emendamento che la Chiesa cattolica paghi l'Imu sui suoi immobili adibiti a bar, ristoranti, alberghi e anche sugli ospedali. Nella proposta di modifica si chiede anche che la Chiesa paghi gli arretrati tra il 2006 e il 2012. Sul Reddito di cittadinanza il Movimento prevede un incentivo ad accettare anche lavori di breve durata o con redditi "marginali" mentre si è all'interno del programma di sostegno. L'emendamento introduce la"sospensione" del beneficio, anziché la decadenza, in caso di variazioni del reddito dovute ad occupazione con lavoro subordinato, sospensione prevista per la durata del contratto. Se il lavoro si protrae oltre la fine dell'anno in cui è iniziato resta la decadenza.

Pd deposita 900 emendamenti in commissione
Il Pd ha depositato in commissione Bilancio al Senato circa 900 emendamenti alla legge di bilancio.Lo si apprende da fonti Dem. Una plastic tax da 0,80 euro al chilo invece che da un euro e che esclude prodotti realizzati con materiale riciclato. E' quanto prevede un emendamento del Pd. In particolare, la plastic tax non dovrebbe essere applicata "per i prodotti e manufatti realizzati, per almeno il 60 per cento nel 2020, il 70 per cento nel 2021 e l'80 per cento nel 2022, in plastica riciclata". Il Pd propone poi di rendere meno pesante la "sugar tax", la tassa sulle bevande con zuccheri aggiunti. Un emendamento a prima firma di Andrea Marcucci prevede infatti che l'imposta sia ridotta da 10 a 8 euro a ettolitro e da 0,25 euro a 0,20 euro per chilogrammo, per i prodotti da diluire. Inoltre si chiede di far slittare l'imposta al primo febbraio.L'intervento ridurrebbe gli incassi previsti dalla "sugar tax"di circa 68 milioni nel 2020.

L'attuale aliquota per il conteggio delle auto aziendali si abbasserà dal 30% al 15% per i veicoli meno inquinanti, ibridi o elettrici. Lo prevede un emendamento sui 'fringe benefit'. La tassazione si applicherà, comunque, solo dalle nuove immatricolazioni a partire da gennaio 2020. Il contributo viene elevato al 40% in caso di emissioni fino a 95 grammi per km. Sale poi al 60%, come già previsto, in caso di emissioni fino a 160 grammi per km e al 100% oltre.

Da Iv oltre 200 emendamenti: No Tax e via Quota 10
"Un pacchetto di emendamenti a un governo che ha già messo in sicurezza alcune priorità: dall'esclusione dell'aumento dell'Iva agli investimenti su sanità e famiglia. Noi di Italia Viva diciamo due no, a quota 100 e alle tasse, e tanti sì: ai giovani, alle famiglie, al lavoro, alla sfida della sicurezza ambientale, all'equità sociale, allo sviluppo economico. Siamo per la parità delle generazioni oltre che per la parità di genere". Così i capigruppo di Camera e Senato di Italia Viva, Maria Elena Boschi e Davide Faraone.

FI presenta 1061 emendamenti in commissione Senato
Forza Italia ha presentato 1.061 emendamenti alla manovra in commissione Bilancio al Senato. A quanto si apprende, dagli azzurri sono stati depositati anche dieci ordini del giorno.

Misiani: modifiche profonde plastic tax e auto aziendali
"In Parlamento lavoreremo per migliorare una serie di norme del decreto fiscale e del disegno di legge di bilancio, dialogando con i gruppi parlamentari e le forze economiche e sociali. Ripenseremo profondamente alcune misure come quelle sulla tassazione delle auto aziendali e la plastica monouso". Lo scrive Antonio Misiani, viceministro Pd all'economia, sulla manovra. "Cercheremo di aiutare gli enti locali, che beneficeranno di stanziamenti senza precedenti per gli investimenti ma continuano a soffrire difficoltà per la parte corrente dei loro bilanci", aggiunge. "Oggi inizia una fase cruciale per la manovra di bilancio - sottolinea Misiani - Dell’impianto della manovra ho parlato più volte: il governo e in particolare il ministro Gualtieri hanno costruito una proposta che ha tutte le potenzialità per fare ripartire l’Italia: stop all’aumento IVA e al super ticket, taglio del cuneo fiscale, gli asili nido gratuiti, un grande piano di investimenti per l’ambiente e le infrastrutture sociali".

Da Fdi 520 emendamenti, c'è lo scudo per l'Ilva
La reintroduzione dello scudo penale per l'Ilva, l'Iva agevolata al 4% per i prodotti per la prima infanzia, la riduzione delle commissioni bancarie per i pagamenti con il Pos. Sono alcune delle proposte di modifica della manovra presentate da Fratelli d'Italia con i 520 emendamenti e i quattro ordini del giorno depositati in commissione Bilancio del Senato. Web tax, sugar tax e plastic tax gli altri temi su cui il partito si chiede di intervenire.

Emendamenti Leu su casa e pensioni
Leu punta sulla casa e sulle pensioni e chiede modifiche alla manovra con un pacchetto di emendamenti. Liberi e uguali (che in tutto ha presentato in commissione Bilancio del Senato circa 150 correzioni) propone di indirizzare risorse per le ristrutturazioni e la destinazione all'edilizia popolare degli edifici pubblici non utilizzati, il ripristino del fondo affitti e la possibilità di utilizzare il bonus per il rifacimento delle facciate a patto che i lavori riguardino anche la coibentazione.

Sul fronte pensioni, chiede una nona salvaguardia per gli esodati e l'innalzamento del trattamento minimo per accedere alla quattordicesima mensilità. Tra le altre modifiche ci sono quelle che riguardano la stabilizzazione dei Vigili del fuoco, l'incremento delle borse di studio per gli universitari e più risorse per gli asili nido. Sulla plastic tax, infine, si chiede che non venga applicata per quella riciclata e l'estensione a tutto il 2021 del credito d'imposta per le aziende che innovano in senso green
 
Condividi