POLITICA

"Muri e barriere non fermeranno la globalizzazione"

Mattarella: "Assicurare l'insegnamento dell'italiano ai migranti"

Così il presidente della Repubblica intervenendo all'82esimo convegno internazionale della società Dante Alighieri

Condividi
"Ovunque si vada si apprende che sono molti gli italiani ai vertici di istituzioni scientifiche, culturali economiche ed artistiche. E sono molti i campi in cui gli italiani sono fenomeni di eccellenza, basti ricordare l'arte, al moda, l'ospitalità e il design". Così il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenendo al congresso società Dante Alighieri a 750 anni dall'anniversario della nascita del sommo poeta.

"La riflessione che si ha dell'Italia all'estero è complessivamente migliore di quella che avvertiamo noi italiani forse assuefatti all'idea di vivere nell'arte, nella storia e nel paesaggio - prosegue Mattarella - La natura è stata con l'Italia straordinariamente prodiga e noi a volte abbiamo deturpato doni e talenti ricevuti. Un autentico limite italiano è quello di non essere riusciti a fare sistema presi dalle nostre divisioni non di rado artificiose. Ma è altrettanto vero che la nostra complessa vicenda storica insegna che anche in tempi di sofferenza il genio italico ha saputo crescere e affermarsi ed è motivo per noi di orgoglio e sentimento. I tempi che ci attendono sono carichi di prospettive e di incognite".

"Muri e barriere non fermeranno la globalizzazione"
"Il vento della globalizzazione soffia con forza crescente e non saranno certo muri o barriere a fermarlo. Le barriere mentali prima ancora di quelle materiali - prosegue ancora il presidente della Repubblica - sono scosse da un carattere sovranazionale di tecnologie e di economia". Ma il genio "italico" si fa avvertire nel mondo: "Pensiamo solo a  quanto per il settore agroalimentare l'Italia ha dato e continuerà a dare. la migliore risposta al fast food che ci ha proposto cibo uniforme in tutto il pianeta e' stata la creazione di slow food. Il genio e la creatività sono la risposta efficace al pericolo di omologazione. E sono queste peculiarità particolarmente presenti nel nostro paese e che il mondo ci riconosce". 

"Assicurare l'insegnamento dell'italiano ai migranti"
La conoscenza abbatte i muri della diffidenza e della paura" ha spiegato Mattarella, intervenendo all'82esimo congresso della Societa Dante Alighieri in corso a Milano. "La diffusione dell'italiano può diventare uno strumento di pace nei Balcani e nel Sud Mediterraneo", ha aggiunto sottolineando "Credo che dovremmo essere più impegnati nel promuovere e assicurare la conoscenza della nostra lingua agli immigrati che si insediano nel nostro Paese". Il capo dello Stato ha ricordato che l'Italia è passata "da Paese di emigrazione, a Paese di transito" ed immigrazione. E l'italiano può essere un "veicolo di integrazione tra i cittadini e le comunità di immigrati che si sono insediate nei nostri territori". La conoscenza, infatti, "abbatte i muri, previene la formazione di ghetti culturali e linguistici".
Condividi