Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Mattarella-ha-consolidato-ruolo-internazionale-ffbe5e7d-bd98-473a-bb9e-a57de21dcd17.html | rainews/live/ | true
POLITICA

Le reazioni del mondo politico

Mattarella: De Michelis ha consolidato il ruolo internazionale dell'Italia

Da Stefania Craxi a Gentiloni il cordoglio per la scomparsa di De Michelis

Condividi
"Scompare con la morte di Gianni De Michelis uno dei  protagonisti della attività di governo dell'ultima parte del Novecento. Intelligente e appassionato esponente della causa socialista ha segnato con la sua azione una significativa stagione della politica estera del nostro Paese, nella fase che faceva seguito al venir meno del contrasto Est/Ovest". Lo dichiara il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.     

"Le sue intuizioni e il suo impegno sulla vicenda europea, dei Balcani, del Medio Oriente e del Mediterraneo, hanno consolidato il ruolo internazionale dell'Italia e contribuito alla causa della pace e della cooperazione internazionale", conclude il capo dello Stato.

Il cordoglio di Napolitano
"Gianni De Michelis è stato, in un periodo di travaglio dell'Italia repubblicana, un protagonista di forte temperamento e combattività. La sua scomparsa costituisce l'epilogo di un lungo stato patologico che personalmente ho cercato di seguire, poiché ho per molti anni vissuto con lui confronti, vicinanze, tensioni nell'ambito della sinistra e della dialettica tra le forze politiche più vive del Paese. Rendo omaggio ai suoi contributi intelligenti e forti, in particolare alla politica estera dell'Italia e alla ricerca di nuovi equilibri di governo". Lo scrive il Presidente emerito Giorgio Napolitano in un messaggio di condoglianze per la scomparsa dell'ex ministro.

Il ricordo di Stefania Craxi
"Gianni è stato un grande uomo di governo ed un compagno leale di mio padre, nella buona e nella cattiva sorte, a cui non fece mai mancare la sua vicinanza negli anni dell'esilio tunisino", scrive Stefania Craxi, senatore di Forza Italia, ricordando De Michelis. "Gianni, genio e sregolatezza, visionario lucido con lo sguardo sempre proteso oltre il confine, è stato innanzitutto un socialista generoso e coraggioso che ha saputo attraversare anche le stagioni più infami e buie della storia socialista e del paese con la schiena dritta, senza abiure, difendendo sempre il ruolo ed il primato della politica".

Bobo Craxi: maestro politico, socialista democratico di valore
"Gianni De Michelis è stato per tanti di noi un maestro politico, un uomo di Stato, un Socialista Democratico di valore. Con animo pieno di dolore ho appreso la sua scomparsa". Così Bobo Craxi su twitter, sulla scomparsa di Gianni De Michelis.

Tajani: "E' stato autorevole europarlamentare, grande politico e uomo grandissima intelligenza"  
Il presidente dell'Euro Parlamento Antonio Tajani ricorda prima di tutto Gianni De Michelis come "autorevole europarlamentare e il grande impegno profuso" in questo ambito. "E' stato un grande politico - ha detto Tajani - e un uomo di grandissima intelligenza". Riguardo all'attività come europarlamentare dell'ex ministro, ha ricordato in particolare un viaggio in Cina. "Era - ha aggiunto - un grandissimo conoscitore di quella realtà. Un uomo che ha dato certamente lustro alla politica italiana. E' stato uno dei protagonisti degli anni Ottanta e Novanta. Ha fatto bene il ministro e il parlamentare europeo". 

Gentiloni: socialista intelligente e controverso 
"Ricordo Gianni De Michelis socialista intelligente e controverso. Da ministro degli Esteri ha onorato il nostro paese". Lo scrive su twitter l'ex premier Paolo Gentiloni esponente del Pd.

Nencini: l'Europa gli deve molto
“È stato un grande ministro degli Esteri. L'Europa gli deve molto, la sua visione del ruolo dell'Italia nel mediterraneo e nei Balcani è tutt'oggi valida.  Era un politico colto, coi fiocchi. Un uomo di grande spessore intellettuale e culturale. Ci mancherà”. Così Riccardo Nencini, presidente del Cn del Psi.

Casini: uno fra più brillanti ministri Esteri
"Sono molto triste per la scomparsa di Gianni De Michelis, uno dei più intelligenti e brillanti ministri degli Esteri della Repubblica Italiana". Lo dichiara Pier Ferdinando Casini, già presidente della Camera. De Michelis era "un uomo leale con gli avversari - aggiunge - che non ha mai tradito i suoi amici nella buona e nella cattiva sorte. Dovremo approfondire certe sue intuizioni sulla politica internazionale. Ha sofferto molto negli ultimi anni. Ora riposi in pace".

Zaia: se ne va un veneziano illustre
"Per motivi anagrafici, le nostre strade non si sono mai incrociate. Ciò nondimeno siamo di fronte alla scomparsa di un veneziano che ha svolto un ruolo importante nella vita politica e culturale locale e nazionale, ricoprendo importanti incarichi e distinguendosi come intellettuale e docente universitario". Con queste parole, il Presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, esprime il suo cordoglio per la morte di Gianni De Michelis. "Esprimo il mio cordoglio a tutta la sua famiglia colpita anche dalla morte di Cesare De Michelis che, con la sua casa editrice, tanto ha dato alla cultura veneziana, veneta e nazionale. Oggi se ne va un altro veneziano illustre - conclude il Presidente - componente di una famiglia intrisa di venezianità".
Condividi