Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Mediaset-Vivendi-al-26-Pier-Silvio-Berlusconi-ai-dirigenti-Qui-siamo-e-qui-rimaniamo-ae98f75b-5c18-47c1-a45b-17004709f265.html | rainews/live/ | true
ECONOMIA

L'ex premier: da Vivendi un ricatto

Mediaset, Vivendi al 26%. La famiglia Berlusconi: "Resistiamo"

Pier Silvio: ''Io, mio padre e la mia famiglia non arretriamo di un passo. Noi siamo qui e qui rimaniamo''  

Condividi
Si fa sempre più dura la battaglia tra Mediaset e Vivendi con il gruppo di Vincent Bolloré che ha annunciato di tenere oltre il 25% del capitale e che l'obiettivo è di arrivare al 30%.  Ma la famiglia Berlusconi spiega che non intende cedere: ''Io, mio padre e la mia famiglia - assicura l'ad di Mediaset, Pier Silvio Berlusconi nel consueto brindisi natalizio con i dipendenti - non arretriamo di un passo. Noi siamo qui e qui rimaniamo''.  

Silvio Berlusconi: non immagino Mediaset non guidata dalla mia famiglia
Identica la posizione del leader di Forza Italia: "Non immagino Mediaset non guidata dalla mia famiglia, io ho fatto tante cose ma una di quelle in cui mi sono impegnato di più è  la tv, Mediaset è stata la prima tv commerciale in Europa, un esempio della nuova era", dice Silvio Berlusconi alla presentazione del libro di Bruno Vespa.  "Quelli di Vivendi ci hanno fatto un ricatto, un'estorsione, noi non abbiamo accettato e ora siamo in battaglia contro una scalata ostile fatta in Mediaset e pensiamo di resistere", aggiunge. "Noi crediamo che la magistratura dovrebbe dare seguito alle nostre cause contro Vivendi". 

Esposto all'AgCom
Il Cda di Mediaset, riunitosi nel pomeriggio di ieri, ha deliberato di presentare esposto all'AgCom in cui segnala l'illegittimità della condotta di Vivendi "in violazione della disciplina di settore" e in particolare "dell'art. 43 comma 11 del Testo unico dei servizi di media audiovisivi e radiofonici", (è l'articolo sulle posizioni dominanti) oltre al "possibile ostacolo alle strategie di sviluppo di Mediaset in ragione del collegamento incrociato con Telecom Italia".

Alfano: molto preoccupato, vicenda riguarda sistema italiano
Il ministro degli Esteri, Angelino Alfano, si è detto "molto preoccupato" per le mosse di Vivendi su Mediaset. "Questo è qualcosa che riguarda tutto il sistema italiano, e non solo una società" ha detto Alfano, che parlava in una conferenza tenuta a Parigi con il suo omologo francese Jean-Marc Ayrault.





 
Condividi