Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Melania-Trump-odia-vedere-bimbi-divisi-da-genitori-migranti-in-Usa-a88b09c5-9c38-4589-bf2a-4cbecd9159f9.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

La questione dei "dreamers"

Melania Trump "odia" vedere bimbi divisi da genitori migranti in Usa

La portavoce della First Lady: "Rispettare le leggi ma anche governare con il cuore". Per la prima volta Melania critica indirettamente il marito presidente. Monito dell'Onu agli Usa 

Condividi
Melania Trump "odia vedere bambini separati dalle loro famiglie e spera che entrambi gli schieramenti possano alla fine unirsi per ottenere una riforma immigratoria di successo". Lo ha detto alla Cnn la sua portavoce Stephanie Grisham, commentando il caso dei 2mila bimbi separati al confine col Messico dai genitori entrati in modo illegale, a causa della 'tolleranza zero' del governo Trump.  Melania, ha aggiunto, "crede che dobbiamo essere un paese che segue tutte le leggi ma anche un Paese che governi col cuore".

Rara presa di posizione "politica"
Si tratta di una rara presa di posizione su una questione politica da parte della First Lady, che ha indicato l'aiuto ai bambini come la priorità della sua piattaforma sociale 'Be best'. Finora Melania non si era espressa sulla vicenda dei  bambini separati dai genitori al confine col Messico, che continua ad essere da giorni uno dei principali titoli dei media americani. Le tv hanno cominciato a trasmettere anche le immagini delle tendopoli dove sono trattenuti i bimbi e delle proteste di molti attivisti ed esponenti dem. 

Trump se la prende con i democratici
Trump accusa i democratici per la separazione di circa 2mila minori dalle loro famiglie al confine con il Messico, ma non ha preso una posizione chiara sui disegni di legge presentati dai repubblicani al Congresso: uno di impronta più restrittiva e l'altro meno rigoroso nei confronti dei minori portati negli Usa dai loro genitori illegamente immigrati, i cosiddetti 'dreamers'.

Parlamentari dem attaccano Trump: inumano separare i bambini
Ma una delegazione di parlamentari democratici ha visitato diversi centri di detenzione per migranti al confine con il Messico e ha attaccato il presidente Donald Trump per la separazione forzata di 2.000 minori dai loro genitori. "Quello che stiamo facendo come Paese sta causando un danno enorme a questi bambini e ai loro genitori, quando è totalmente non necessario intanto che si istruisce il procedimento sulle loro richieste di asilo", ha detto il senatore dell'Oregon, Jeff Merkley, un componente della delegazione che ha sollecitato Trump a porre fine alla pratica delle separazioni.

Monito dell'Onu agli Usa
"E' inaccettabile e crudele" separare i figli dai genitori migranti che entrano illegalmente negli Stati Uniti dalla frontiera con il Messico. E' il monito lanciato a Ginevra dall'Alto commissario dell'Onu per i diritti umani Zeid Raad al-Hussein.

"Pensare che uno Stato possa cercare di dissuadere i genitori infliggendo tali abusi sui bambini è inammissibile", ha detto al-Hussein aprendo una sessione del Consiglio per i diritti umani. Le parole del rappresentante Onu arrivano il giorno dopo l'attacco di Melania Trump alle politiche del marito sui migranti.
   
Condividi