MONDO

Stati Uniti

Trattò con la Russia prima dell'insediamento di Trump: bufera sul Consigliere Flynn che si dimette

Michael Flynn, Consigliere per la Sicurezza Nazionale - è accusato di aver mentito anche al Vicepresidente Pence sulla natura delle sue conversazioni con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergey Kislyak. Al suo posto Trump nomina  ad interim il generale in pensione Keith Kellog
 

Condividi
A meno di un mese dal suo insediamento una nuova bufera su Donald Trump e sulla sua squadra. Che mentre incassa il giuramento del Segretario al Tesoro Mnuchin perde un pezzo di pregio per una questione che ancora una volta chiama in causa i sempre più controversi rapporti con la Russia di Vladimir Putin.

Il consigliere per la Sicurezza Nazionale del presidente Donald Trump, Michael Flynn, ha rassegnato le sue dimissioni. La notizia e' stata ufficializzata dalla Casa Bianca, in una nota, dove si precisa che l'incarico di Flynn sara' assunto ad interim dal generale in pensione Keith Kellog.

La Casa Bianca ha pubblicato la lettera di dimissioni di Flynn, finito nell'occhio del ciclone per il suoi legami con la Russia ed in particolare per aver mentito sulla natura delle sue conversazioni, pochi giorni prima dell'insediamento di Trump, con l'ambasciatore russo negli Stati Uniti, Sergey Kislyak.

La prima a dare la notizia è stata la Cnn:





La verità nascosta al Vicepresidente Pence
Flynn aveva assicurato ai colleghi dell'amministrazione, compreso il vice presidente Mike Pence, di non aver discusso delle sanzioni Usa contro Mosca, imposte dal presidente Barack Obama per le interferenze nel processo elettorale Usa. Ha poi ritrattato, pochi giorni dopo, facendo sapere, tramite un portavoce, di non poter escludere completamente che l'argomento sanzioni sia stato affrontato.

La Casa Bianca era stata avvertita da Sally Yates
L'allora ministra della Giustizia ad interim, Sally Q. Yates, il mese scorso aveva avvertito la Casa Bianca sul fatto che il consigliere per la Sicurezza Nazionale Michael Flynn, potesse "essere vulnerabile" rispetto a potenziali "ricatti" da parte dei russi. Lo ha rivelato il Washington Post, poco prima dell'annuncio delle dimissioni di Flynn. Stando al quotidiano Usa, l'allora direttore della Cia, John Brennan, e il capo della National Intelligence, James Clapper, condividevano le preoccupazioni della Yates e contribuirono ad allertare la Casa Bianca ritenendo che Flynn si fosse messo "in una situazione compromettente". Un alto funzionario dell'amministrazione Trump ha riferito al Post che la Casa Bianca era al corrente del problema sul quale "si e' lavorato per settimane".






Tra i possibili successori si fanno i nomi di Petraeus e Harward
L'ex direttore della Cia, David Petraeus, e l'ex vice ammiraglio Bob Harward figurano tra i papabili successori di Flynn, secondo i media Usa. Stando alla Cnn, Petraeus incontrera' Trump alla Casa Bianca nelle prossime ore. 


Il generale licenziato da Obama che odia l'Islam: chi è Michael Flynn
Ma chi è l'uomo che oggi ha lasciato l'incarico? 57 anni, Flynn è stato nominato Consigliere per la Sicurezza nazionale lo scorso novembre e prima era stato advisor di Trump durante la campagna elettorale, dimostrandosi un "perfetto surrogato" - per usare un'espressione del Politico - contro la democratica Hillary Clinton, attaccata per aver messo a rischio informazioni classificate con l'utilizzo di un server di posta privato quando era segretario di Stato.

Ci sarebbe Flynn dietro il  disprezzo di Trump per l'accordo sul nucleare iraniano e la strategia aggressiva nei confronti dell'Islam radicale.

I democratici lo hanno sempre accusato di essere islamofobo e simpatizzante del presidente russo Vladimir Putin. Registrato tra gli elettori democratici, vanta 33 anni di carriera militare, con posizioni di primo piano, dalla guida di missioni Nato in Afghanistan e in Iraq fino alla direzione della Dia (Defence Intelligence Agency) dal 2012 al 2014, quando e' stato licenziato dal presidente Barack Obama.

Nel suo saggio "The Field of Fight", scritto insieme allo storico Michael Ladeen, Flynn descrive se stesso come poco devoto al politicamente corretto e accusa Obama di avergli dato il benservito perche' si era permesso di dire che gli Usa stavano perdendo terreno contro il terrorismo. Pochi minuti dopo la diffusione della notizia sul ruolo offerto all'ex generale, Yahoo News ha scritto che Flynn ha iniziato a ricevere i bollettini classificati sulla sicurezza nazionale dalla scorsa estate, mentre e' titolare di una societa' di consulenza di intelligence che fornisce servizi a societa' straniere, la Flynn Intelligence Group (Fig), fondata nel 2014, dopo aver lasciato la Dia, insieme a  Bijan R. Kian,  figura di spicco della comunità iraniana negli Usa.
Condividi