Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Migranti-Fico-Dalla-Diciotti-dovevano-scendere-il-primo-giorno-f3340940-d3a6-444b-9056-e1dc0502c7f7.html | rainews/live/ | (none)
POLITICA

Il presidente della Camera ospite alla Festa dell'Unità

Migranti, Fico: "Dalla Diciotti dovevano scendere il primo giorno"

"Conosco il mio movimento e so bene che nel contratto di governo ci si muove, ma troppo al di là non si potrà più muovere"

Condividi
"Non c'è dubbio che dalla Diciotti le 179 persone insieme ai 29 minori non accompagnati dovevano scendere sul territorio italiano fin dal primo giorno e non si doveva aspettare tutto questo tempo. E' una questione su cui ho lavorato molto". Così il presidente della Camera, Roberto Fico, ospite di un dibattito alla festa nazionale dell'Unita' a Ravenna con Graziano Delrio. "Questo per dire - ha spiegato- che come sulla vicenda della nave Diciotti e di Aquarius e una serie di questioni io prendo delle posizioni come ho fatto con il precedente governo quando non condividevo le posizioni del ministro Minniti sulla Libia". Secondo il presidente della Camera "dire che c'è l'80% di sbarchi in meno significa dire che l'80% dei migranti sono in territorio libico e i centri di detenzione in Libia sono veri e propri lager".

"Non tollero che si parli con la 'pancia'"
"Ciò che io non tollero da nessuna parte è che sull' immigrazione si parli con la 'pancia' e non si diano dati seri, non si racconti chi sono queste persone, perché partono, che tipo di idea abbiamo di mondo". Sulla Libia "ora siamo sull'orlo di una nuova questione di guerra civile che - ha continuato Fico - ci ha lasciato in qualche modo la Francia. E allora dobbiamo parlare con molta intelligenza, analizzando dati, questioni, non polarizzando scontri" perché altrimenti "ci rimangono di mezzo le persone".

"Troppo in là il M5s non potrà andare"
"Conosco il mio movimento e so bene che nel contratto di governo ci si muove, ma troppo al di là non si potrà più muovere. Sull'immigrazione noi avevamo votato una mozione nel parlamento italiano dove ci sono tre punti. E quei tre punti, in linea di massima, si seguiranno". I tre punti sono lavorare perché "se arrivi in Italia arrivi in Europa", "corridoi umanitari seri e controllati" e hotspot nei Paesi di origine.
Condividi