ITALIA

Mutate condizioni di sicurezza nel Mediterraneo

Migranti, la Ong Sea-Eye come Msf: "Sospendiamo le nostre missioni"

Decisione presa "dopo che il governo libico ha annunciato una proroga a tempo indeterminato e unilaterale delle acque territoriali, in relazione a una minaccia esplicita contro le ong private" spiega il direttore della Ong tedesca

Condividi
"Cari amici, oggi abbiamo deciso a malincuore di sospendere temporaneamente le nostre missioni di salvataggio prevista nella...". Così su Twitter l'Ong, Sea-Eye, che segue quindi la strada annunciata ieri da Medici senza frontiere. A spiegare la decisione su Facebook il direttore di Sea-Eye, Michael Busch Heuer: "Il motivo è la mutata situazione di sicurezza nel Mediterraneo occidentale, dopo che il governo libico ha annunciato una proroga a tempo indeterminato e unilaterale delle acque territoriali, in relazione ad una minaccia esplicita contro le ong private". In queste circostanze, aggiunge "non è possibile proseguire il nostro lavoro di salvataggio. Sarebbe irresponsabile nei confronti dei nostri equipaggi". "Nei prossimi giorni e nelle prossime settimane analizzeremo attentamente il cambiamento della situazione di sicurezza al largo della costa libico e discuteremo la nostra azione futura" conclude.


Ieri la decisione di Medici senza Frontiere
Lo ha comunicato la Ong dopo che la Libia ha deciso di istituire una zona Sar, "limitando l'accesso delle Ong in acque internazionali" e un "rischio sicurezza" segnalato dal Mrcc "dovuto a minacce della guardia costiera libica". Sarà dunque fermata la nave Prudence, mentre "l'équipe medica di MsF continuerà a fornire supporto a bordo della nave Aquarius di Sos Mediterranee".

Msf: “Blindano il mare, restiamo contrari al Codice”
"I recenti sviluppi nel Mediterraneo mostrano che il codice di condotta è parte di un disegno più ampio che intende sigillare la costa libica e intrappolare migranti e rifugiati in Libia, gettando via la chiave. Queste azioni stanno chiaramente dimostrando la vera ambizione delle autorità italiane ed europee: limitare l'attività degli attori di ricerca e soccorso indipendenti e concentrare tutti gli sforzi nel riportare le persone in Libia. Per questi motivi Msf rimane ferma nella propria convinzione di non poter firmare il Codice". A dirlo è Loris De Filippi, presidente di Medici senza frontiere Italia, in un'intervista a Repubblica.  "Rispetto alla decisione di Sos Mediterranee di firmare il codice, stiamo discutendo la nostra partnership con l'organizzazione.  Al momento la nave Aquarius, gestita in collaborazione con Msf,  sta navigando in acque internazionali dove continua a portare avanti le proprie attività di pattugliamento e ricerca e soccorso".
Condividi