ECONOMIA

Mercati

Milano in rosso, euro in frenata

Condividi
di Michela Coricelli Tutte in rosso le borse europee, ad eccezione di Londra che termina a +0,28%. Milano ha chiuso la terza seduta settimanale in flessione (-0,49%), in linea con gli altri principali mercati azionari. Pesano le tensioni provocate dall'annuncio di Washington di voler spostare la propria ambasciata in Israele da Tel Aviv a Gerusalemme. 

Francoforte ha perso lo 0,38%, mentre Parigi quasi piatta a -0,02%. Wall Street dopo un avvio negativo ha recuperato terreno: Dow Jones e Nasdaq in lieve rialzo.
 
A Piazza Affari in controtendenza rispetto all'andamento ribassista generale Telecom Italia che ha chiuso con un balzo del  3,38%. Negativi i principali bancari: Unicredit a -0,76%, Intesa Sanpaolo -0,93%, Mediobanca -1,51%, Generali -0,53%. Carige chiude in calo dello 0,99% nell'ultimo giorno di aumento di capitale.
 
L'euro in brusca frenata, si scambia a 1,1791 contro il dollaro. E intanto prosegue la corsa del bitcoin, nonostante le critiche internazionali e l'attenzione delle istituzioni: la criptovaluta digitale ha superato i 12mila dollari.
Condividi