MONDO

Accademia dei Lincei

Mogherini e l'accordo con l'Iran sul nucleare: "Ha funzionato. Sarebbe un errore smantellarlo ora"

A pochi giorni dal Nobel per la Pace alla campagna Ican, all’Accademia dei Lincei si torna a discutere delle grandi crisi mondiali: Corea del Nord, il braccio di ferro tra Kim Jong-Un e Donald Trump, la possibilità che gli Stati Uniti escano dall’accordo sul nucleare iraniano. In occasione della Edoardo Amaldi Conference si riuniscono massime autorità diplomatiche e scientifiche per costruire le linee guida di un futuro di sicurezza e non proliferazione

Condividi
La gestione della minaccia nucleare di un attacco nucleare Corea del Nord, gli scenari che si aprirebbero se Donald Trump portasse davvero gli Stati Uniti fuori dall'accordo 5+1 firmato con l'Iran, la cooperazione internazionale sulla non proliferazione. Sono temi caldissimi, quelli al centro della Edoardo Amaldi Conference. A discuterne, all'Accademia di Lincei di Roma, ci sono i protagonisti a livello mondiale - dal direttore generale dall'IAEA all'Alto Rappresentante della Politica Estera Europea, Federica Mogherini – i massimi esperti del settore, scienziati e diplomatici.
 
La sicurezza nucleare e la non proliferazione
I relatori arrivano da 40 Paesi - America, Medio Oriente, Asia e Africa - per due giorni intensi di confronto sul tema della sicurezza nucleare e della non proliferazione, dal punto di vista nazionale e globale. Ad aprire i lavori il direttore generale dalla IAEA, Yukiya Amano, e l’Alto Rappresentante della Politica Estera Europea Federica Mogherini, a seguire Ali Akbar Salehi, il direttore dell'Agenzia Iraniana per l'Energia Nucleare (AEOI), poi il contributo di scienziati e diplomatici. Al centro dei lavori la cooperazione internazionale - scientifica e tecnologica - e la condivisione di informazioni.

Federica Mogherini: "Massima pressione sulla Corea del Nord, centrale il tema della non proliferazione"
Si scusa per l'assenza, Federica Mogherini, ma attraverso un videomessaggio sottolinea in apertura quanto sia centrale adesso la non proliferazione: "E' la principale minaccia alla sicurezza dei giorni nostri". Poi entra subito nel vivo dei temi di attualità . L'accordo con l'Iran - che torna a definire una "win-win solution" - "ha messo fine ad una delle peggiori crisi nucleari del nostro tempo", ha detto Mogherini. Un messaggio indiretto a Donald Trump, continua Lady Pesc, "adesso non possiamo permetterci di aprire un altro fronte". E ovviamente la Corea del Nord: da un lato sottolinea il lavoro fatto con le sanzioni - "stiamo facendo massima pressione sul regime" - dall'altro insiste sull'importanza della diplomazia e dalla cooperazione internazionale per arrivare alla denuclearizzazione della penisola coreana.


  
La delegazione iraniana
Pochi giorni fa Donald Trump ha messo in discussione l'accordo sul nucleare con l'Iran - che prima aveva definito "imbarazzante" e " il peggiore accordo possibile per gli Stati Uniti" - e minaccia di fare un passo indietro. In attesa che chiarisca i termini di queste affermazioni (probabilmente il 15 ottobre) i fari sono puntati sull'Iran. Se l'IAEA ha già  fatto sapere che Teheran sta rispettando gli step previsti dall'accordo, Ali Akbar Salehi - il direttore dell'Agenzia per l'Energia Nucleare - potrebbe fornire maggiori dettagli sulla posizione iraniana. Una visita europea densa di incontri, quella di Salehi e della sua delegazione: alla conferenza seguiranno i meeting con le autorità  italiane e con il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson, che lo attende a Londra.
 
La Edoardo Amaldi Conference
E' dal 1988 che ogni anno la Edoardo Amaldi Conference organizza una serie di incontri sul tema del disarmo, della non proliferazione nucleare, della cooperazione scientifica e della sicurezza. L'edizione in corso all'Accademia dei Lincei celebra il 60esimo anniversario dell'istituzione dell'IAEA e del Trattato Euratom.

testo

L'evento in diretta sulla Rai
La Rai è media-partner dell'evento e lo ha trasmesso in diretta streaming. Su Rainews.it  l'apertura dei lavori della conferenza con audio internazionale (inglese) dalle 9 alle 11.30 di lunedì 9 ottobre.

Anche Rai Cultura ha proposto l'apertura dei lavori in diretta streaming sul portale di Rai Scuola (www.raiscuola.rai.it). Previsto, inoltre, uno Speciale interamente dedicato alla Conferenza, con contributi video e interviste ai principali relatori, che sarà pubblicato sul portale di Rai Scuola (www.raiscuola.rai.it). La diretta streaming è stat aperta e commentata in italiano dal divulgatore scientifico Pietro Greco.
Condividi