Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Mondiali-social-tornano-gli-hashflags-5bd00115-63e7-4b2d-b2c6-11ea2ca662e2.html | rainews/live/ | true
FIFA 2014

Twitter

Mondiali. Tornano gli hashflags. Si socializzano anche le bandiere

Social network protagonisti tra bandiere, Coppa del mondo dei tweet e uomo partita, scelto per la prima volta proprio su Twitter

Condividi
Bastano un cancelletto e tre lettere, quelle del paese di riferimento, per ottenere un hashflag. In poche parole, hashtag più bandiera. Per ottenere quella italiana basta digitare #ITA. In realtà non si tratta di una novità di questo mondiale. Le hashflags erano già comparse in occasione di Sudafrica 2010 e ora tornano per poter commentare le squadre che scenderanno in campo.

Intanto Twitter ha creato una pagina – intitolata World Cup of Tweets, ovvero la Coppa dei tweet – da cui si può votare per la propria squadra. "Cosa succederebbe – si legge sul sito – se la tua Nazionale ottenesse il maggior numero di tweet? Sostieni la tua squadra e scoprilo".

Hashflags-mania
A rilanciare gli hashflags in occasione di Brasile 2014 è stata Shakira. Il suo tweet è stato messo tra i preferiti per ben 2 mila volte e ritwittato più di 2.500 volte. Tra i "cinguettii" più efficaci quelli di Bleacher Report UK che ha sintetizzato in hashflags tutte le squadre degli otto gironi. Una cosa subito replicata dagli utenti, che hanno rilanciato twittando il calendario delle partite bandierina dopo bandierina.

L’uomo partita si sceglie su Twitter
Per questi mondiali, il social network non si limiterà a raccontare quello che succede dentro e fuori dal campo da calcio. Agli utenti sarà dato un potere ancora più grande: scegliere l’uomo partita di ognuno dei 64 incontri previsti per Brasile 2014. Per esprimersi basterà un tweet corredato di hashtag – #ManOfTheMatch – e riferimento al profilo ufficiale della Fifa: @FIFAcom. Si potrà twittare durante il secondo tempo e la partita di prova sarà quella d’inaugurazione tra Brasile e Croazia. Ad annunciarlo è stata proprio la Fifa nel corso di una conferenza stampa a Copabacana.
Condividi