Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Morte-Regeni-procuratore-egiziano-ai-genitori-Giulio-era-portatore-di-pace-802ec9c3-c77b-42e3-96db-10220a897bfa.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Incontro italo-egiziano a Roma

​Morte Regeni, procuratore egiziano ai genitori: "Giulio era portatore di pace"

"Non chiuderò questa indagine finché non avrò arrestato chi lo ha ucciso", ha aggiunto Nabil Ahmed Sadek nel corso dell'incontro

Condividi
"Giulio era un portatore di pace e non chiuderò questa indagine finché non avrò arrestato chi lo ha ucciso". Queste le parole pronunciate dal procuratore generale della Repubblica Araba d'Egitto Nabil Ahmed Sadek nel corso dell'incontro a Roma con i genitori di Giulio Regeni, il ricercatore friulano morto al Cairo. È stata la prima delle tre sessioni previste nella due giorni di lavoro dei magistrati del Cairo a Roma. Il procuratore egiziano ha portato a Claudio e Paola Regeni le condoglianze sue, delle istituzioni e del popolo egiziano.

I genitori del giovane ricercatore hanno hanno ricordato "l'amore di Giulio per il mondo arabo e la sua profonda conoscenza della sua cultura". All'incontro con i familiari ha fatto seguito un primo scambio di documenti tra inquirenti, che proseguirà mercoledì nella terza sessione di lavoro al termine della quale i magistrati dei due Paesi produrranno una nota congiunta.

All'incontro di oggi erano presenti anche il procuratore capo di Roma Giuseppe Pignatone e il pm Sergio Colaiocco responsabili, in Italia, dell'inchiesta sulla morte di Giulio.
Condividi