Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Morto-Elio-Toaff-ex-rabbino-capo-di-Roma-30ae726f-b737-4f65-975b-6dabb83e9d61.html | rainews/live/ | (none)
ITALIA

Avrebbe compiuto a fine aprile 100 anni

Morto Elio Toaff, ex rabbino capo di Roma

Storico l'incontro di Toaff con Giovanni Paolo II alla Sinagoga di Roma. "Gratitudine e affetto a un grandissimo italiano" scrive su Twitter Matteo Renzi. "Un grande della storia, un gigante" l'ha definito il presidente della comunità ebraica romana, Riccardo Pacifici. Renzo Gattegna  presidente dell'Unione delle comunità ebraiche italiane: "uomo straordinario". I funerali nel pomeriggio a Livorno

Elio Toaff
Condividi
Roma L'ex rabbino capo di Roma Elio Toaff è morto domenica sera nella Capitale. Avrebbe compiuto a fine aprile 100 anni.

Elio Toaff era nato a Livorno il 30 aprile del 1915 e fu avviato agli studi rabbinici dal padre Alfredo Toaff, rabbino della città. È considerato in modo unanime una delle massime autorità spirituali e morali ebraiche dell'Italia nel secondo dopoguerra. Storico il suo incontro con Giovanni Paolo II alla Sinagoga di Roma. I funerali si
terranno tra le 18 e le 18.30 nel cimitero ebraico di Livorno. Aperto il Tempio Maggiore di Roma per consentire a chi lo volesse di pregare. 

Il presidente del Consiglio, Matteo Renzi, si è recato al Tempio Maggiore per rendere omaggio al rabbino capo emerito e poi è stato accompagnato dal presidente della comunità ebraica romana Riccardo Pacifici alla casa di Toaff. In dono dalla comunità ebraica Renzi ha ricevuto un libro dei salmi di Davide, che sono stati recitati dalle tante persone giunte al tempio per pregare. Appena appreso della morte di Toaff, il premier aveva scritto su Twitter: "Un pensiero carico di gratitudine e affetto per il rabbino Elio Toaff, grandissimo italiano e uomo simbolo della comunità ebraica", 




"Un grande della storia, un gigante", ha commentato il presidente della comunità ebraica romana Riccardo Pacifici. "Un uomo che ha fatto la resistenza e ha ridato orgoglio alle nostre comunità. Un uomo del risorgimento ebraico romano ed italiano", ha aggiunto.

"Piangiamo in queste ore la scomparsa di un uomo straordinario. Un punto di riferimento, un leader, una guida spirituale in grado di segnare il suo tempo e il tempo
delle generazioni che ancora verranno" ha sottolineato il presidente dell'Unione delle comunità ebraiche italiane Renzo Gattegna. "I gesti e gli insegnamenti che hanno caratterizzato il magistero e la lunga vita di rav Toaff - ha aggiunto - rappresentano infatti uno dei momenti più alti nella storia, non solo dell'ebraismo italiano ma dell'umanità intera". 
Condividi