Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Mosca-conferma-esercito-siriano-ha-di-nuovo-strappato-Palmira-a-Isis-af51609c-537d-4fa0-a2c3-31adf6abd45e.html | rainews/live/ | (none)
MONDO

Il conflitto in Siria

Mosca conferma: l'esercito siriano ha di nuovo strappato Palmira all'Isis

Le forze di Damasco con l'appoggio dei jet russi hanno riconquistato interamente la città patrimonio dell'umanità dell'Unesco

Condividi
I jihadisti di Al Baghdadi sono stati nuovamente cacciati da Palmira. L'esercito siriano con l'appoggio dei caccia russi ha completato la riconquista dell'antica città siriana finita per due volte nelle mani dei miliziani dell'Isis. La notizia, diffusa dall'agenzia di stampa siriana Sana, è stata confermata dal Cremlino.

Le truppe di Damasco sono tornate dunque a controllare anche la cittadella medievale, patrimonio dell'umanità dell'Unesco. La cittadella si trova su un monte dal quale si dominano le rovine greco-romane. Le unità dell'esercito hanno inoltre recuperato una collina nella zona ovest della città e un hotel nella zona sud, causando secondo Sana numerose perdite tra le file dei jihadisti.

Shoigu conferma a Putin la buona notizia
Il ministro della Difesa russo, Sergei Shoigu, ha confermato la riconquista di Palmira in un rapporto al presidente Vladimir Putin. Lo ha riferito il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov. Questa mattina il quotidiano governativo siriano 'al-Watan' aveva riferito che i jihadisti dell'Isis si erano ritirati dalla maggior parte dei quartieri di Palmira.

Nel 2015 la prima conquista da parte dell'Isis
L'autoproclamato Stato islamico aveva preso il controllo di Palmira nel maggio del 2015, ma nel marzo del 2016 la storica città era tornata in mano all'esercito di Damasco. A dicembre scorso si è registrata una nuova avanzata dell'Isis nel sito patrimonio dell'umanità.

Ong: in corso la bonifica della città
"L'Isis si è completamente ritirato da Palmira, ma l'esercito siriano sta ancora bonificando i quartieri da mine e ordigni e non si è inoltrato in tutta la città ancora", ha detto a France Presse Rami Abdel Rahman, direttore dell'Osservatorio siriano per i diritti umani, una Ong vicina all'opposizione con sede a Londra.

Palmira simbolo della distruzione del patrimonio culturale
La storica città archeologica è passata di mano più volte durante i 6 anni di conflitto diventando un simbolo della distruzione gratuita da parte dei jihadisti del patrimonio culturale nelle zone che sono riusciti a prendere sotto il loro controllo. 

Il ruolo dell'aviazione russa
Questa ultima liberazione avviene dopo settimane di intensi raid dell'aviazione militare russa a sostegno delle truppe di terra del regime di Damasco, che hanno ingaggiato violenti combattimenti nel deserto prima di raggiungere la città.


Condividi