Original qstring:  | /dl/rainews/articoli/Multa-di-400mila-dollari-per-la-blogger-che-aveva-inventato-di-aver-curato-il-cancro-con-la-dieta-2f71000b-9c6e-492e-8fbd-6047e38b9bef.html | rainews/live/ | true
PEOPLE

Australia

Multa di 410mila dollari per la blogger che si era inventata di aver curato il cancro con la dieta

La corte di Melbourne ha condannato la modella australiana Belle Gibson a versare 410mila dollari australiani allo stato di Victoria per le sue bugie

Belle Gibson durante un'intervista in un programma statunitense
Condividi
Si era inventata di avere un cancro al cervello e di essere guarita grazie a una dieta vegetariana. Una clamorosa bufala che ha consentito alla modella australiana Belle Gibson di pubblicare il libro The Whole Pantry ("L'intera dispensa") e di creare un'app salutista capaci di farle guadagnare più di mezzo milione di dollari.

Multa salata
Dopo mesi di processo, ora la giovane blogger, 25 anni, è stata condannata dalla corte di Melbourne e dovrà pagare una multa di 410 mila dollari australiani allo stato di Victoria. L'accusa: aver mentito a proposito della beneficenza che avrebbe fatto con gli introiti del suo libro.

La storia
La modella cominciò a attrarre l'attenzione degli utenti già nel 2009, sciorinando le più disparate malattie in alcuni forum. Fino al 2013, quando sul suo sito e sui vari canali social annunciò di essere stata colpita da un cancro al cervello. Per curarsi raccontava la quotidiana rinuncia alla carne, al caffè, alla carne, al glutine, ai prodotti caseari. Regole alimentari ferree, divenute un libro di ricette pubblicato dalla Penguin.

La confessione
Dopo mesi di menzogne, Belle Gibson ha vuotato il sacco, dichiarando che era tutto falso e che non aveva mai avuto il cancro. "Non voglio il perdono — disse al magazine Australian Women Weekly — penso solo che parlarne fosse la cosa più responsabile da fare". In poco tempo, la giovane programmatrice ha visto crollare tutto quello che aveva ingannevolmente creato: il sito è stato svuotato dai contenuti più personali, l'app per smartphone non è più in vendita e l’editore ha ritirato il libro dal mercato. E ora anche il risarcimento per le bugie.
Condividi